A- A+
Economia
L'inflazione mette ko i redditi familiari: crollo drastico del 3,5%

Ocse: "Il reddito reale delle famiglie cresce, ma non in Italia"

Cresce il reddito reale delle famiglie nella zona Ocse ma in Italia diminuisce del 3,5% a causa dell'inflazione dovuta ai prezzi dell'energia: a dirlo è l'Ocse, l'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico internazionale.

Nel quarto trimestre del 2022 il reddito reale delle famiglie è cresciuto dello 0,6% nella zona Ocse, superando dello 0,1% la crescita del Pil reale per abitante, pur se il dato è altamente variabile a seconda dei Paesi presi in esame. L'Italia, invece, con il suo -3,5%, è il fanalino di coda tra i big del G7 dietro alla Germania (-1%).

Il motivo, secondo l’Ocse, è "la fiammata dei prezzi energetici" che ha causato una "forte inflazione", con conseguenze sulle disponibilità dei nuclei familiari nel Belpaese. Tuttavia, negli ultimi dodici mesi, malgrado la moderata crescita realizzata nel terzo e quarto trimestre 2022, il dato si è contratto del 3,8% anche al livello Ocse, "il più forte calo annuale dall'inizio della serie", sottolinea l'istituzione parigina.

Sui 21 Stati membri dell'organizzazione per cui i risultati sono disponibili, otto registrano un aumento del reddito nel quarto trimestre 2022 mentre 13 sono in calo. Tra le grandi economie del G7, il Regno Unito realizza l'incremento più importante (+1,2%), sospinto dalla crescita dei salari e dal sostegno pubblico ai consumi energetici. Anche Canada (+0,9%), Francia (+0,7%) e Stati Uniti (+0,8%) segnano incrementi positivi del reddito reale.

Leggi anche: Adesso anche la pasta è un lusso, esplode il prezzo: si muove il garante

Iscriviti alla newsletter
Tags:
inflazioneocsereddito





in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


motori
Lancia torna alla 1000 Miglia con Miki Biasion e l'iconica Aurelia B20 GT

Lancia torna alla 1000 Miglia con Miki Biasion e l'iconica Aurelia B20 GT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.