A- A+
Economia
La nuova responsabilità sanitaria e l'assicurazione in campo medico-sanitario
Durante l'incontro a Roma  l’on. Federico Gelli e Maurizio Hazan (comitato scientifico portale Ridare) - autori del libro  "“LA NUOVA RESPONSABILITÀ SANITARIA E LA SUA ASSICURAZIONE” edito da Giuffrè, insieme a Daniela Zorzit -  hanno illustrato  l’impatto della Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria in campo penale e civile e hanno fatto  il punto sull’attuazione del nuovo dettato normativo a sei mesi dalla sua approvazione.
 

LA LEGGE GELLI
 

La Legge Gelli si è resa necessaria perché negli ultimi vent’anni il contenzioso medico-legale nella sanità italiana ha raggiunto livelli critici, con un incremento di pratiche mediche diagnostiche e terapeutiche eccessive e talvolta inappro­priate, al solo scopo di evitare cause in tribunale. Questo fenomeno, conosciuto come quello della “medicina difensiva”, grava per oltre 12 miliardi di euro all’anno sul Servizio sanitario nazionale.



UNA DISCIPLINA ORGANICA


"Volendo andare al cuore della questione, potremmo dire che la legge Gelli disegna una disciplina organica sul governo del rischio e sulla sicurezza delle cure. L’obiettivo è chiaro e coraggioso: anticipare il sistema di protezione, per evitare il danno piuttosto che intervenire esclusivamente ex-post con la mera compensazione in denaro. L’approccio colpevolizzante e monetario all’errore costituisce di per sé un fallimento: la sfida culturale è dunque quella di ridar fiato a slanci professionali coraggiosi, che non si facciano condizionare dal rischio ed anzi si occupino di prenderselo in carico. In questo senso va apprezzata l’entrata in scena dell’obbligo assicurativo, quale autentica “tasca capiente” concepita nell’interesse preminente dei pazienti danneggiati", spiega l’Avv. Maurizio Hazan, coautore del volume di Giuffrè.



L'INCREMENTO DEL CONTENZIOSO

"Dopo un ventennio segnato da un incremento del contenzioso in ambito di responsabilità sanitaria, fino a raggiungere la soglia dei 35mila sinistri all’anno con conseguente fuga dei maggiori player assicurativi, non più in grado di sostenere l’indice di rapporto sinistri/premi (dal 160% del 2001 al 126% del 2012), si sta finalmente assistendo, grazie a diversi interventi di politica legislativa e sanitaria, ad un significativo decremento dei casi di malpratice medica. L’obiettivo è però ancora lontano tanto che, ancora oggi, il decremento del numero dei sinistri, circa 31mila all’anno, risulta bilanciato dall’inesorabile aumento dei risarcimenti medi, attestatisi ad oltre 50mila euro per evento" dichiara Francesco Del Rio, legale specializzato in Responsabilità sanitaria per Consulcesi & Partners. 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
responsabilità sanitariaassicurazionecampo medico-sanitariofederico gelligiuffrè
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.