A- A+
Economia
Lagarde e Powell giocano col fuoco: imprese e famiglie verso una nuova crisi

Silicon Valley Bank è tombolata perché l’aumento folle dei tassi ha costretto i fondi a ridurre le esposizioni perché – detto in maniera brutale – il denaro costa e bisogna valutare con maggiore attenzione su che cosa puntare. First Republic Bank, guarda caso con sede nella Silicon Valley, sconta lo stesso timore degli investitori. Se il rischio inizia ad avere un (prezzo) troppo alto gli investitori si tolgono di torno, veloci come il vento.

Le imprese si ritrovano improvvisamente a cambiare le strategie e le mosse preventivate: la valutazione degli asset cambia perché trovare i soldi è diventato più oneroso. Tim, ad esempio, dovrà capire che la rete non può essere considerata meritevole di 31 miliardi perché nel frattempo sono cambiate le condizioni del mercato. Le famiglie si ritrovano con mutui che sono schizzati alle stelle. E il contentino di dire “rinegoziatelo pure” vale soltanto per chi ha un Isee inferiore ai 35.000 euro ed è sempre in regola con i pagamenti. Per tutti gli altri, che non per questo devono necessariamente essere dei nababbi, “ciccia”. Solo che il 25% degli italiani farà fatica a pagare.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
credit suissecrisilagardepowellsilicon valley bank





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.