A- A+
Economia
Legge di Stabilità, doccia fredda dell'Europa su Renzi

La legge di stabilita' per il 2016 e' "a rischio di mancato rispetto del patto di stabilita' e crescita": e' il giudizio della Commissione europea, che rinvia un giudizio piu' approfondito a quando le riforme annunciate e avviate avranno avuto i loro effetti. Come previsto, il giudizio della Commissione e' quindi prudente: in accordo con le previsioni di autunno della Commissione, si legge nella valutazione, "c'e' un rischio di significativa deviazione dal percorso di aggiustamento richiesto verso gli obiettivi di medio termine, soprattutto in connessione con la valutazione del prossimo programma di stabilita'".

Come si legge nel giudizio della Commissione, gia' per il 2015 si e' riscontrata "qualche deviazione dal percorso di aggiustamento verso gli obiettivi a medio termine", che nel 2016 diventeranno "significative". Come si ricorda nel documento, infatti, l'obiettivo per il 2016 era di un deficit pari all'1,8% del Pil; secondo la legge di stabilita', il deficit sara' invece pari al 2,2% del Pil, e secondo la Commissione al 2,3%. Anziche' essere in pareggio come stabilito inizialmente, nel 2016 il bilancio strutturale sara' in deficit dello 0,5%. Se questa deviazione sara' concessa nell'ambito della flessibilita' consentita dalle norme Ue, verra' deciso in un secondo momento.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
europarenzilegge di stabilitàue
i più visti
in evidenza
BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

Scatti d'Affari

BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la nuova Micra elettrica

Nissan svela la nuova Micra elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.