A- A+
Economia
Manovra, Durigon: "Maggioranza eterogenea ma coesa, chiederemo la fiducia"
La Piazza intervento di Claudio Durigon

Manovra, Durigon: "Chiederemo la fiducia"

"La nostra è una maggioranza coesa seppur con nature diverse. Dall'altra parte c'è un'opposizione sempre più in difficoltà". Claudio Durigon, sottosegretario al Ministero del Lavoro, spegne qualsiasi tensione in seno alla maggioranza. E, in esclusiva ad Affari, conferma: "Non ci sarà esercizio provvisorio, ma porremo la questione di fiducia". 

Sottosegretario Durigon, è vero che il governo è in difficoltà e che si rischia l'esercizio provvisorio?
Siamo di fronte a un governo anomalo per quanto riguarda le tempistiche. È in carica dal 25 ottobre e ha nominato i sottosegretari il 2 novembre. Abbiamo presentato la Manovra il 15 dicembre e quello che mi sento di dire è che c'è una giusta e adeguata misura di confusione per dare dare risposta a tutti gli emendamenti previsti. Non vedo nulla di diverso dalle altre stagioni che ci hanno preceduto. Gli ultimi cinque anni in cui sono stato in Parlamento non ricordo via libera prima del 28-29 dicembre.

Porrete la questione di fiducia?
Questo è sicuro, il tempo stringe e non possiamo permetterci ulteriori ritardi. 

È soddisfatto dell'impianto della Manovra soprattutto per i temi di sua competenza?
Sì, abbiamo inserito la cosiddetta quota 41, che è esaustiva e dà una risposta ai lavoratori e dona flessibilità al mercato in uscita. Abbiamo ripristinato i voucher: siamo nella giusta direzione. Senza dimenticare il reddito di cittadinanza che è stato trasformato, fissando un termine per chi può lavorare ed esteso alla platea di chi ne ha veramente bisogno.

Che cosa farete nel 2023? 
Per quanto riguarda il lavoro siamo solo all'inizio del nostro percorso. A gennaio, con apposito Decreto, andremo a riportare risorse sul mondo del lavoro stesso. Senza dimenticare le pensioni: le abbiamo portate a 600 euro a 75 anni, con una rivalutazione al 120% per i redditi più bassi, le minime ora hanno un bel ristoro. È inutile far finta di non capire: l'inflazione ha un peso diverso a seconda del reddito, mi fa ridere chi dice che abbiamo dato "solo" 180 euro al mese netti a chi ne prende già più di 3.000.

È vero che siete una maggioranza litigiosa e con molte anime diverse?
Coesistono molte nature diverse, ognuno cerca degli spazi per crescere politicamente. Però siamo una maggioranza molto omogenea quando si tratta di prendere le decisioni, come dimostrato dai vari provvedimenti realizzati rapidamente. Dall'altra parte invece c'è un'opposizione ormai allo sbando...

Ecco, tra il caso Soumahoro che scuote Sinistra Italiana e il Qatar-gate: che idea si è fatto?
Sono due cose molto diverse. Soumahoro non è indagato, è giusto che si parli solo di chi è coinvolto anche se si tratta di suoi familiari molto vicini. Mi pare tra l'altro che sia stato bastonato a sufficienza. Piuttosto, devo notare che si è scoperchiato un autentico vaso di Pandora con le associazioni che vanno a perpetrare un obiettivo sociale importante sulla carta e invece poi si rivelano ben altro. In Europa, invece, è successo qualcosa di davvero brutto: parliamo di centinaia di migliaia di euro, si torna indietro a un passato che sembrava sepolto. Non pensavo che potesse essere plausibile una cosa del genere: fa rabbia. C'è però anche una stampa che riesce a esaltare alcune non notizie e a non tenere il profilo corretto con tutti.

Chiudiamo con la sua regione, il Lazio: la convince il nome di Rocca come candidato per il centro-destra?
Eccome, si tratta di un profilo di livello molto alto, con lui possiamo far ripartire questa regione che è stata affossata da uno Zingaretti assente, con un immobilismo evidente a tutti i cittadini. Rocca ha anche ricevuto degli attacchi beceri da parte della stampa, ha avuto un passato particolare ma oggi è a capo della più grande associazione di volontariato mondiale. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cameradurigonfiducialegge di stabilitàmanovrasenato





in evidenza
Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

Culture

Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"


motori
Tavares CEO Stellantis, conferma la produzione della Fiat Panda fino al 2030

Tavares CEO Stellantis, conferma la produzione della Fiat Panda fino al 2030

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.