A- A+
Economia
Mediaset tutta italiana in cinque anni. Ecco quanto costa la pax con Vivendi
Foto LaPresse

Oltre 100 milioni di dividendo straordinario, l'ok al trasferimento della sede legale di Mediaset in Olanda, la chiusura delle cause legali in cambio della fine delle ostilità dei francesi nell'operatività del Biscione nel cui capitale scenderanno in cinque anni. 

Dopo che da giorni si rincorrevano le indiscrezioni su una pax che mettesse definitivamente la parola fine alla querelle iniziata con il mancato acquisto di Premium nel 2016, il Biscione, Fininvest e Vivendi hanno trovato un accordo. 

piersilvio berlusconi
 

In base all'intesa, Vivendi, azionista del gruppo televisivo italiano con quasi il 30% del capitale, ha preso l'impegno di vendere sul mercato l'intera quota del 19,19% di Mediaset detenuta da Simon Fiduciaria in un periodo di cinque anni. Nello specifico, si legge nella nota ufficiale, un quinto della quota sarà ceduto ogni anno a partire dalla data di chiusura a un prezzo minimo di 2,75 euro nel primo anno, 2,80 nel secondo, 2,90 nel terzo, 3 euro nel quarto e 3,10 nel quinto. Vivendi, inoltre, avrà il diritto di vendere l'intera quota in qualsiasi momento qualora il prezzo del titolo Mediaset raggiungesse 3,20 euro.

I francesi rimarranno azionista con la quota residua del 4,61% e saranno libera di mantenere o vendere tale partecipazione in qualsiasi momento e a qualsiasi prezzo, dopo che un altro 5% sarà acquistato dalla holding della famiglia Berlusconi, al prezzo di 2,70 euro per azione, dopo lo stacco del dividendo. 

LP 9570402
 

Fininvest, che al momento possiede il 41,2% (ma il 44,2% dei diritti di voto), avrà il diritto di acquistare le azioni eventualmente invendute in ciascun periodo di 12 mesi, al prezzo annuale stabilito. In base all'accordo, all'assemblea ordinaria del Biscione del prossimo 23 giugno, Mediaset proporrà la distribuzione a tutti gli azionisti di un dividendo straordinario di 0,30 euro (ammontare di 350 milioni, ndr) per azione in pagamento il 21 luglio 2021. Cedola che permetterà a Vivendi di intascare circa 100 milioni. 

Vivendi "favorirà lo sviluppo internazionale di Mediaset, votando a favore dell'abolizione del meccanismo del voto maggiorato e del trasferimento della sede legale di Mediaset in Olanda". La società francese e Mediaset "hanno inoltre stipulato accordi di buon vicinato nella televisione free-to-air e di standstill della durata di cinque anni".

Dailymotion, società controllata da Vivendi, infine, "ha concordato di fare un pagamento di 26,3 milioni per la definizione del contezioso relativo al copyright con Rti e Medusa, società del gruppo Mediaset". Il closing dell'accordo è previsto per il 21 luglio.

Commenti
    Tags:
    mediasetvivendiaccordo mediaset vivendipier silvio berlusconi vincent bollorè
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol Perizoma e... si toglie il reggiseno

    Wanda, Diletta e... le foto delle Vip

    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol
    Perizoma e... si toglie il reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.