A- A+
Economia
Mps, il terzo polo si avvicina: ecco con chi potrebbe fondersi. Inside

Mps, obiettivo terzo polo

Si è già sentito altre volte in questi anni, ma - come si dice - questa potrebbe essere la volta buona: Giorgia Meloni ha benedetto, incentivato, sponsorizzato la nascita del terzo polo bancario, che per anni è stato una sorta di chimera. Al momento gli schieramenti sono chiari: Intesa Sanpaolo, gigante soprattutto in Italia che, dopo l'acquisizione di Ubi, è stra-leader del mercato; UniCredit, che ha interessi - tanti, anche se meno rispetto a un tempo - fuori dai nostri confini e che rappresenta l'unico rivale credibile di Ca' De Sass. 

Poi ci sono tutti gli altri, da Banco-Bpm a Bper. E poi c'è Mps. L'istituto di credito senese, la banca più antica del mondo, è stata al centro di numerosissime vicende che sembrano ora aver trovato una quadra con l'aumento di capitale da 2,5 miliardi - andato a buon fine, anche se per qualcuno la commissione alle banche, 125 milioni, è stata un po' eccessiva - e con il via libera agli oltre 4.000 esuberi. 

Mps banca pronta per il salto di qualità? Presto per dirlo, ma certo il bilancio del quarto trimestre 2022 sarà l'ultimo che vedrà gli oneri straordinari a gravare l'ultima riga del conto economico. A febbraio, con ogni probabilità, si vedrà l'ultimo bilancio "pesante" di Monte dei Paschi di Siena. I primi nove mesi si erano chiusi con un utile - ante oneri - di circa 500 milioni. E da quest'anno si avranno circa 300 milioni di euro di risparmi grazie agli esuberi, cioè poco meno della metà dell'utile previsto dal piano industriale al 2024.

C'è di più: fonti accreditate riferiscono ad Affaritaliani.it che Mps non avrà bisogno di ulteriori aumenti di capitale, grazie anche a una congiuntura economica particolare con aumento dei tassi e, quindi, dei margini sulle operazioni. D'altronde, Rocca Salimbeni è un istituto di credito che ottiene buona parte delle sue revenue proprio da queste attività. E può contare su un Npe/ratio contenuto, il che significa che non sarà necessario mettere mano al portafoglio ulteriormente.

Lo si è già detto altre volte, per carità. Ma questa potrebbe essere quella definitiva. Ed è per questo che Giorgia Meloni, dopo che il Mef ha tirato fuori di tasca propria 1,6 miliardi di euro per l'aumento di capitale, ha spinto per la creazione del terzo polo. C'è da dire, tra l'altro, che Mps oggi - nonostante i rally degli ultimi giorni - vale meno di tre miliardi di euro, una capitalizzazione inferiore a quella di soggetti analoghi che potrebbero essere i target migliori per una integrazione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banco bpmmpsterzo polo





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


motori
Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.