A- A+
Economia
Mutui per la casa sempre più alti: guerra e inflazione spingono su i tassi

Mutui, la fase d’oro dei tassi ai minimi di sempre è al capolinea. Come la guerra incide sulle scelte dei giovani e non solo 

La guerra non colpisce solo le tasche degli italiani, sempre più in ginocchio a causa di un'inflazione ormai "stellare", ma anche il mercato immobiliare. La crisi ha infatti definitivamente stravolto gli equilibri e le previsioni degli analisti di settore: dalla fine del 2021 l'indice dei tassi a 20 anni è schizzato dallo 0,30% a oltre l'1% nel mese di febbraio.

Sembrerà paradossale, ma ad oggi chiedere un finanziamento per acquistare un immobile può costare davvero caro. Secondo l'ultimo report pubblicato, risalente a pochi giorni fa, l'Eurirs, il principale indicatore per i mutui a tasso fisso, dall'inizio del 2022 è cresciuto di 70 centesimi per i mutui ventennali e di 50 centesimi per i mutui a 30 anni. Situazione migliore invece per i tassi variabili: l'Euribor è attestato su -0,53% per il mensile e -0,47% per il trimestrale.

Nello specifico, secondo il portale Mutui online, "per i mutui a venti anni il tasso fisso medio tra le varie offerte sul mercato è all’1,45% nominale, 1,65% effettivo, con una rata di 576 euro, mentre per quelli a tasso variabile la percentuale è dello 0,64%, ovvero, lo 0,83% effettivo, con una rata di 533 euro".

(Segue...) 

Commenti
    Tags:
    guerrainflazionemuti




    
    in evidenza
    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    De Filippi furiosa in tv

    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


    motori
    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.