Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Edison, nel 2023 EBITDA a 1.267 mln: +35% rispetto al 2022

Edison, diffusi i risultati finanziari dei primi 9 mesi del 2023: rinnovabili e attività donwstream spingono l'EBITDA a 1.267 mln, utile a 485 mln

Il Consiglio di Amministrazione di Edison, riunitosi ieri, ha esaminato il Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2023, che ha registrato una solida performance operativa di tutti i business. Nei primi nove mesi del 2023, Il Margine operativo lordo (EBITDA) è cresciuto a 1.267 milioni di euro (+35%) da 938 milioni di euro dello stesso periodo del 2022. Al risultato hanno contribuito la produzione rinnovabile, complice la ripresa dell’idroelettrico, e l’apporto particolarmente positivo delle attività Gas&Power di Edison Energia, dopo un 2022 in forte sofferenza, e dei servizi energetici e ambientali di Edison Next. L’EBITDA, pur in crescita, registra il forte impatto negativo derivante dal ritardo nelle consegne di GNL dagli Stati Uniti, per il quale è in corso un contenzioso arbitrale.

Il Gruppo Edison ha chiuso i primi 9 mesi del 2023 con un utile netto pari a 486 milioni di euro da 265 milioni di euro dei primi nove mesi del 2022, su cui incideva un impatto negativo dei decreti “extra-profitti”. L’indebitamento finanziario al 30 settembre 2023 presenta un saldo a credito per 117 milioni di euro, rispetto a un debito pari a 477 milioni di euro al 31 dicembre 2022, grazie principalmente alla significativa generazione di cassa dettata dai buoni risultati della gestione operativa. Condizione questa che consente al Gruppo di rafforzare ulteriormente la sua posizione nei business della transizione energetica

Nei primi nove mesi del 2023 la domanda di energia elettrica in Italia ha registrato un calo del 4% rispetto allo stesso periodo del 2022, attestandosi a 232,5 TWh. La riduzione si è riverberata in particolare sulla produzione termoelettrica, che nel periodo è calata del 16,2% a 121,9 TWh. Tale settore si attesta comunque come la prima fonte nazionale di produzione, soddisfacendo oltre il 52% della domanda. Torna invece a crescere la produzione rinnovabile (pari a oltre il 32% della domanda): l’idroelettrico beneficia di una ripresa parziale delle precipitazioni che hanno riportato i livelli di invaso in linea con le medie storiche, segnando un incremento del 26,7% a 29,1 TWh; il fotovoltaico e l’eolico crescono rispettivamente del 9,7% a 25,7 TWh e del 3,1% a 16,1 TWh, in conseguenza dell’entrata in esercizio dei nuovi impianti. Sul fronte dei prezzi, il Prezzo Unico Nazionale (PUN) si è attestato su un valore medio di 128,4 euro/MWh, in calo del 60,4% rispetto a 324,2 euro/MWh dello stesso periodo dello scorso anno, per effetto della riduzione dei costi del gas e della contrazione della domanda.

Sul fronte dei consumi nazionali di gas, il calo della domanda continua ad essere più marcato, con una riduzione dell’11,4% a 45,5 miliardi di metri cubi di gas da 51,4 miliardi di metri cubi nei primi nove mesi del 2022. Nel periodo sono diminuiti i consumi residenziali del 13,2% a 18,2 miliardi di metri cubi, i termoelettrici del 17,9% a 15,8 miliardi di metri cubi, gli industriali del 6,9% a 8,5 miliardi di metri cubi. Questa dinamica trova spiegazione nel protrarsi di temperature superiori alle medie stagionali, negli effetti del piano nazionale di contenimento dei consumi di gas naturale, nonché nella contrazione della generazione termoelettrica.

Sul fronte dei prezzi, il gas spot in Italia nei primi nove mesi del 2023 si è attestato su un valore medio di 45,3 centesimi di euro a metro cubo, in flessione del 67,2% rispetto ai 138,4 centesimi di euro a metro cubo dello stesso periodo del 2022. Il calo è avvenuto in un contesto di riduzione della domanda e di maggiore disponibilità di gas naturale, in particolare di Gas Naturale Liquefatto (GNL); fattori che hanno contribuito alla limitazione dei prelievi dai siti di stoccaggio nei primi sei mesi dell’anno e che hanno permesso di arrivare al 30 settembre 2023 con un livello di riempimento superiore al 96%.

In questo contesto, il Gruppo Edison ha chiuso i primi nove mesi del 2023 con ricavi di vendita a 14.103 milioni di euro rispetto a 22.842 milioni di euro dei primi nove mesi del 2022. Tale riduzione è riconducibile in particolare alla Filiera Attività Gas che ha registrato ricavi per 9.435 milioni di euro (-47,4% rispetto ai primi nove mesi 2022) a seguito della contrazione dei prezzi e dei volumi del gas naturale. In flessione anche i ricavi della Filiera Energia Elettrica (-14,4% a 6.264 milioni di euro), per effetto soprattutto della contrazione della produzione termoelettrica, in parte compensata dall’incremento di quella rinnovabile (+21,4%) che ha beneficiato della ripresa dell’idroelettrico (+42,8%) e dell’aumento della generazione eolica, anche a seguito della variazione di perimetro avvenuta a luglio 2022.

Il Margine operativo lordo (EBITDA) ha registrato una crescita del 35% a 1.267 milioni di euro da 938 milioni di euro nei primi nove mesi dell’anno. Al risultato hanno contribuito soprattutto le attività rinnovabili, che lo scorso anno avevano risentito in particolare di una idraulicità inferiore alle medie storiche. Positivo anche l’apporto delle attività Gas&Power (B2B e B2C), che lo scorso anno registravano l’impatto negativo del rialzo dei prezzi sulla marginalità delle vendite, in parte assorbito dal Gruppo per limitare le ricadute sui clienti finali. Solida la performance dei servizi energetici e ambientali nelle vendite alla Pubblica Amministrazione, grazie anche alla variazione di perimetro avvenuta nel settore dell’illuminazione pubblica. Le attività gas, escludendo il forte impatto negativo generato dalla mancata consegna di GNL dagli Stati Uniti, hanno beneficiato significativamente delle azioni di ottimizzazione del portafoglio

Il Risultato Operativo (EBIT) si è attestato a 763 milioni di euro da 495 milioni di euro nei primi nove mesi 2022. Sul risultato hanno inciso per 161 milioni di euro gli oneri netti relativi alle attività di rigenerazione territoriale nelle aree degli stabilimenti ex Montedison. Alla luce delle dinamiche sopra evidenziate, il Gruppo ha chiuso i primi nove mesi del 2023 con un utile di 486 milioni di euro rispetto a 265 milioni di euro dello stesso periodo del 2022, che registrava un impatto negativo dei decreti “extra-profitti”. L’indebitamento finanziario al 30 settembre 2023 presenta un saldo a credito per 117 milioni di euro, rispetto a un debito pari a 477 milioni di euro al 31 dicembre 2022, grazie principalmente alla significativa generazione di cassa dettata dai buoni risultati della gestione operativa.

 

 

 

Iscriviti alla newsletter




Gli Scatti d’Affari

Nespresso, presentata la nuova collezione colorata da Pantone

Gli Scatti d’Affari

Polo Logistica FS, Baraclit e Gruppo Grendi insieme per un trasporto integrato

Gli Scatti d’Affari

Sisal: presentato il Bilancio di Sostenibilità 2023

Gli Scatti d’Affari

GSR, Senstation Summer: inaugurato il villaggio sportivo nel centro di Milano

Gli Scatti d’Affari

Gruppo FS presenta il Frecciarossa per i 160 anni della Croce Rossa Italiana

Gli Scatti d’Affari

L’Oréal, volge al termine la XXII edizione italiana di 'For Women in Science'

Gli Scatti d’Affari

Fincantieri è contro la violenza di genere con il progetto Respect For Future

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber protagonista al ACM Sigmetrics: AI per una rete FTTH efficiente

Gli Scatti d’Affari

SEA e COSTIM presentano ‘LAD’: il nuovo quartiere all’idroscalo aperto a tutti

Gli Scatti d’Affari

Ferrero lancia il nuovo gelato al gusto Nutella

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.