Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Gas, petrolio… ma se venisse a mancare anche l’acqua?
Francesco Vincenzi, Presidente ANBI 

 

Acqua, risorsa decisiva per il futuro. Affaritaliani intervista Francesco Vincenzi 

 

Presidente Vincenzi non tutti i nostri lettori sanno cosa è ANBI: può descriverla a chi legge in quanto impresa?

"ANBI rappresenta 142 consorzi di bonifica ed irrigazione, operanti in Italia. Tali realtà sono un’originale esperienza di autogoverno del  territorio con finalità di salvaguardia idrogeologica, gestione delle acque di superficie a prevalente uso agricolo, tutela ambientale, produzione di energia rinnovabile. Ne fanno parte i proprietari di immobili, agricoli ed urbani, ricadenti all’interno di un comprensorio idraulico, approvato dalla Regione e che ricevono un beneficio dimostrato dall’attività dell’ente consorziale, in base al quale pagano annualmente un contributo di bonifica, che serve all’ordinaria manutenzione delle opere idrauliche affidate ed alla gestione del Consorzio.  Le spese per il servizio d’irrigazione sono invece a carico di chi ne usufruisce e si riferiscono al solo puro costo del “trasporto idrico”, essendo considerata l’acqua una risorsa di tutti e pertanto non lucrabile. Ogni 5 anni tutti i consorziati sono chiamati ad eleggere i propri organi amministrativi, secondo un modello democratico, cui si sono ispirate analoghe esperienze operanti  nel mondo. I Consorzi di bonifica ed irrigazione sono rimasti, dopo il ridimensionamento di Province e Comunità Montane, l’unico ente intermedio fra Comuni e Regioni, capace di progettare su area vasta; è così un vero e proprio partner operativo per gli Enti Locali, come sancito anche dal recente Protocollo d’Intesa ANBI-ANCI. Ai Consorzi di bonifica ed irrigazione è affidata la cosiddetta rete idraulica minore, lunga oltre 230.000 chilometri, cioè quasi 6 volte la circonferenza del Pianeta; lungo essa sono presenti migliaia di opere idrauliche, tra cui oltre 800 centrali idrovore, indispensabili a garantire la vivibilità a circa il 30% dei territori di pianura, poichè sono posti sotto il livello del mare".   

Oggi il tema dell’acqua è cruciale e il vostro lavoro fondamentale. Che scenari immagina per i prossimi due decenni in termini di difesa della principale risorsa naturale del pianeta?

"Molti osservatori indicano l’acqua come la probabile, principale causa di prossimi conflitti. Senza evocare scenari bellici, purtroppo di drammatica attualità, è già in essere un evidente conflitto fra i molteplici interessi gravanti sull’utilizzo dell’acqua, che normativamente vede, dopo quello ad uso umano, l’utilizzo agricolo e poi via via tutti gli altri: da quello energetico a quello ambientale, da quello turistico a quello sportivo. E’ evidente che i contrasti si accentuano laddove minore è la disponibilità idrica; per questo, da un lato bisogna ottimizzare l’utilizzo delle risorse idriche, dall’altro bisogna aumentarne la capacità di raccolta. Per quanto riguarda il nostro Paese, è necessario soprattutto efficientare le reti idriche e realizzare nuovi invasi, soprattutto medio-piccoli, per incrementare la percentuale di pioggia trattenuta al suolo, oggi ferma all’11% dei circa 300 miliardi di metri cubi, che annualmente cadono sulla Penisola.      

Le industrie, i servizi, il terziario: perché anche questi mondi dovrebbero interessarsi a chi si occupa di difesa del suolo e di gestione dell’acqua?

"Perché la risorsa è vitale, unica ed interessa tutti. Non è più pensabile progettare bacini, che non siano multifunzionali, dando risposte a molteplici esigenze. Un esempio: ancora nel 2017 lanciammo, con l’allora Struttura di Missione #italiasicura, il progetto per la realizzazione di 2000 invasi utili ad aumentare la riserva idrica del Paese; oggi, quell’idea è confluita nella proposta ANBI-Coldiretti per 6000 laghetti lungo la Penisola. Ognuno di tali specchi d’acqua artificiali potrebbe essere base d’appoggio per pannelli solari galleggianti, contribuendo significativamente alla produzione energetica del Paese. Il futuro è nell’innovazione, non certo nella ripresa di estrazioni metanifere davanti a zone, come il delta Po, che ancora oggi molto stanno pagando, a causa della subsidenza innescata da analoghe scelte, operate decenni fa.   Ma non solo: la salvaguardia idrogeologica, cioè la prevenzione da frane ed alluvioni è un imprescindibile condizione allo sviluppo; chi investirebbe in un territorio soggetto ad allagamenti? Infine, stanti i cambiamenti climatici, l’irrigazione è diventata un fattore strutturale per l’agricoltura come riassume un nostro slogan:  il cibo è irriguo".

Pensa che si debba fare di più per creare attenzione sui temi che fanno parte del vostro lavoro quotidiano?

"Assolutamente sì, perché nei confronti della gestione idrica scontiamo un grande gap culturale, giacchè è un lavoro quotidiano, la cui importanza si evidenzia solo nei momenti d’emergenza; inoltre, necessita di investimenti a lunga scadenza, che fanno parte di una visione politica, che oggi non è purtroppo di moda.  Più volte abbiamo inutilmente chiesto che “l’educazione all’acqua” rientrasse nei programmi di una rinnovata educazione civica; noi sviluppiamo autonomamente programmi didattici nelle scuole ed ogni anno promuoviamo la Settimana Nazionale della Bonifica e dell’Irrigazione; ma non basta: serve un assunzione di responsabilità collettiva.." .   

Perché il Forum Mondiale sull’Acqua del 2024 è un’occasione importante per il Paese?

"Per i motivi appena detti, perché sarebbe un’occasione di riflessione per tutti, ad iniziare dalla classe politica, chiamata a responsabilità verso problemi planetari, ma in cui ormai anche l’Italia è coinvolta ad iniziare, ad esempio, dal rischio desertificazione, evidente in crescenti zone del Paese. Per questo, fin dall’inizio siamo tra i promotori della candidatura Firenze-Assisi-Roma ed ora estesa anche a Milano. Sarebbe l’opportunità anche per richiamarsi ad una cultura idraulica, che storicamente ci vede leader nel mondo e di cui i Consorzi di bonifica ed irrigazione sono riconosciuti eredi, che affondano le radici nel passato, ma sanno guardare al futuro con ricerca ed  innovazione.”     

 

Il tema del consumo, risparmio e gestione dell'acqua è cruciale 

Commenti
    Tags:
    acquaanbicambiamento climaticoclimaguerrarisorse




    Gli Scatti d’Affari

    Sicilia, Edison inaugura un nuovo impianto fotovoltaico da 41 MW

    Gli Scatti d’Affari

    MDW 2024, Eni presenta l'installazione "sunRICE – la ricetta della felicità"

    Gli Scatti d’Affari

    Hisense partecipa alla Milano Design Week 2024: apre Hisense Innovation Marke

    Gli Scatti d’Affari

    Milano Design Week 2024, IKEA: inaugurata la mostra-evento ‘1st’

    Gli Scatti d’Affari

    Mattel Creations presenta ‘Barbie x Kartell seating collection’

    Gli Scatti d’Affari

    Gruppo FS, presentato il progetto 'Stazioni del Territorio'

    Gli Scatti d’Affari

    IEG, a Rimini la VII edizione di MIR – Live Entertainment Expo

    Gli Scatti d’Affari

    Fuori Salone: le istallazioni più instagrammabili della Milano Design Week

    Gli Scatti d’Affari

    Jakala presenta SBAM: la creative agency superpowered

    Gli Scatti d’Affari

    Acqua Sant’Anna: inaugurata la mostra fotografica 'Acqua-Liquida bellezza'

    Guarda gli altri Scatti
    
    in evidenza
    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex

    L'attacco a Fernando Alonso

    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex


    motori
    Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

    Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.