Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Museo del Risparmio: qual è l'approccio dei giovani al denaro?

Museo del Risparmio di Intesa Sanpaolo, elaborata nuova ricerca sull'approccio al denaro da parte delle nuove generazioni

Quanto i modelli di gestione del denaro derivano dall'educazione dei genitori? In che modo questi contenuti si trasferiscono a livello generazionale? Queste le principali domande a cui tenta di rispondere la nuova ricerca portata avanti dal Museo del Risparmio di Intesa Sanpaolo. Il progetto, che prende il nome di “Genitori e figli: quanto conta la famiglia nell’approccio all’uso del denaro da parte delle nuove generazioni”, ha visto la partecipazione di diversi soggetti, che hanno permesso di compiere un'analisi approfondita su diversi aspetti legati alle relazioni all’interno e all'esterno del nucleo familiare.

Oltre alla componente sociodemografica, le domande del questionario hanno riguardato: le modalità di comunicazione tra genitori e figli; la frequenza e la tipologia delle attività svolte in famiglia; i modelli educativi relativi al denaro e alla sua rappresentazione sociale; i comportamenti auto-dichiarati in materia di gestione dei soldi; il ruolo dello studio e della scuola nella formazione delle nuove generazioni. L’indagine è stata condotta tra settembre e ottobre del 2022 su 311 nuclei familiari rappresentativi della popolazione italiana tramite tecnica CAWI (Computer Assisted Web Interviewing). Complessivamente, sono state intervistate 824 persone: 444 genitori e 380 figli, di cui 224 maschi e 156 femmine nell’età compresa tra i 14 e i 20 anni. Il questionario è composto da 42 domande rivolte ai genitori e 45 indirizzate ai figli.

Il quadro che emerge è quello di famiglie in grado di dialogare attivamente, nelle quali il titolo di studio, il livello culturale, il reddito e la localizzazione geografica giocano un ruolo importante nella trasmissione di comportamenti e valori associati al denaro. I ragazzi considerano i genitori modelli da seguire, anche se il livello di conoscenza economico-finanziaria degli adulti non è particolarmente elevato. L’educazione alla gestione consapevole del denaro, dal punto di vista pratico, passa dall’attribuzione di somme periodiche da gestire in completa autonomia: la cosiddetta “paghetta”, che può avere cadenza settimanale o mensile.

Il passaggio intra-familiare di modelli valoriali relativi alla gestione del rischio, al risparmio e alla rappresentatività sociale del denaro, appare abbastanza evidente, mentre meno contagiosa è la percezione di ansia e di malessere: i ragazzi si dichiarano meno coinvolti dallo stress collegato alla gestione del denaro e hanno una visione meno pessimistica del futuro. Mentre la famiglia (e in particolare la madre) appare saldamente il punto di riferimento in materia di denaro, la scuola non sembra avere un ruolo significativo in questo ambito né per i ragazzi né per gli adulti. Il role model genitoriale è più sentito per le figlie femmine (92%) che per i figli maschi (88%) e si rileva una certa overconfidence dei padri (95%) rispetto alle madri (92%).

Dal punto di vista del genere, le differenze maggiori si evidenziano tra madri e padri, mentre tra i giovani il divario sembra parzialmente smussato, seppure i modelli educativi rimangono parzialmente disallineati. Sui temi economici e finanziari la famiglia non trova dunque spazi dialettici esterni neanche con la scuola e ritiene che sia un suo compito occuparsi dell’educazione alla buona gestione del denaro della prole. La continuità familiare evidenzia, tuttavia, un approccio alla gestione del denaro fortemente ancorato al passato, che genera una ripetizione di schemi che possono limitare la progettualità futura e l’autonomia dei figli, anche quando le intenzioni degli adulti possono essere diverse.

Per quanto riguarda la propensione all’investimento si evince: il 65% delle risparmiatrici madri non ha soldi investiti mentre la percentuale scende al 50% dei padri. Chi investe è tipicamente maschio, residente al Nord, istruito, con un livello di autovalutazione delle conoscenze economico/finanziarie medio alto e opta su soluzioni tradizionali di investimento.

In conclusione le indicazioni che provengono da questa indagine suggeriscono un maggior coinvolgimento delle famiglie nelle attività di educazione finanziaria, sia per aiutare gli adulti a intraprendere un processo di upskill che porti le famiglie italiane a cogliere maggiormente le opportunità economiche dell’investimento, sia per aiutare gli adolescenti ad affrontare il futuro grazie all’acquisizione di competenze essenziali per guardare alle difficoltà con serenità e fiducia nelle proprie capacità.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
museo del risparmio denaromuseo del risparmio famigliemuseo del risparmio intesa sanpaolomuseo del risparmio nuove generazionimuseo del risparmio ricerca




Gli Scatti d’Affari

Octopus Energy presenta ‘Power Pack’: l'iniziativa prevede ricariche gratuite

Gli Scatti d’Affari

Intesa Sanpaolo, Gallerie d’Italia: conclusa la mostra dedicata a Maria Callas

Gli Scatti d’Affari

OVS annuncia la partnership con Rai per la serie tv 'Mare Fuori'

Gli Scatti d’Affari

The Hospitality Experience: annunciata l’apertura del Borgo dei Conti Resort

Gli Scatti d’Affari

Milano, Salone del Mobile: presentata la 62ª edizione

Gli Scatti d’Affari

Milano, AI Festival: conclusa la prima edizione 'Exploring Generative AI'

Gli Scatti d’Affari

ASPI, prosegue la sperimentazione della guida autonoma

Gli Scatti d’Affari

Alia Multiutility, al via la campagna per sensibilizzare al decoro urbano

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber, Friuli: annunciata la fase finale dei lavori per il Piano BUL

Gli Scatti d’Affari

BPER e BEI: siglato accordo per sostenere la crescita delle PMI con €1,7 mld

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
Ferragnez e l'incontro finito malissimo a Milano: Fedez furioso per l'intervista di Chiara

Il retroscena

Ferragnez e l'incontro finito malissimo a Milano: Fedez furioso per l'intervista di Chiara


motori
Jeep Avenger 4xe: l'innovazione ibrida che riscrive le regole del fuoristrada

Jeep Avenger 4xe: l'innovazione ibrida che riscrive le regole del fuoristrada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.