A- A+
Economia
Ocse, occupazione a livelli record. Italia maglia nera per gli stipendi
riunione ufficio

Ocse, migliora l'occupazione ma l'Italia è il Paese con gli stipendi più bassi

L'occupazione nei paesi dell'area Ocse ha raggiunto livelli record e ha superato il suo livello pre-Covid mentre il tasso di disoccupazione ha registrato il suo più basso livello dal 2001. Lo si legge nell'Employment Outlook dell'Ocse 2024, che conferma anche per il primo trimestre 2024 la maglia nera assegnata all'Italia per i salari reali: il Paese, con un -6,9% rispetto al quarto trimestre 2019, è terzultimo e fanno peggio solo Cechia e Svezia, contro il -2% della Germania e il +0,1% della Francia.

Inoltre si sottolinea che l'occupazione nell'area (662 milioni di posti di lavoro a maggio 2024, +25% su 2000) dovrebbe registrare una crescita dello 0,7% l'anno circa nel 2024 e nel 2025. Il tasso di disoccupazione a maggio, pari al 4,9%, dovrebbe invece aumentare leggermente. Nel primo trimestre del 2024 la crescita tendenziale dei salari reali era positiva in 29 dei 35 paesi i cui dati erano disponibili e pari a +3,5% in media nell'area.

LEGGI ANCHE: Debito pubblico, strigliata dell'Ocse all'Italia: "Ridurre le pensioni d'oro"

"Il dinamismo dei mercati del lavoro, insieme a una crescita sostenuta dell’occupazione, è stato decisivo per la resilienza economica dei paesi Ocse negli ultimi anni. Dopo la pandemia, l’occupazione ha raggiunto un livello record nei paesi dell’Ocse, nonostante le sfide derivanti dall’inflazione e dalla lenta crescita della produttività", sottolinea il segretario generale dell’Ocse Mathias Cormann. "La transizione climatica - aggiunge - porterà a una profonda ristrutturazione dei mercati del lavoro, con un declino dei settori ad alta intensità di emissioni a favore di nuove opportunità offerte dai posti di lavoro guidati dalla transizione verde. Le autorità pubbliche devono dare priorità alla promozione della necessaria mobilità professionale, in particolare attraverso programmi di formazione efficaci nei settori interessati, al sostegno dei lavoratori che hanno perso il lavoro o i cui posti di lavoro sono minacciati dalla transizione, e alla promozione dell’innovazione, dell’imprenditorialità e di posti di lavoro orientati verso sviluppo sostenibile".






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.