A- A+
Economia
Pnrr, il ministro Fitto: "Italia in ritardo? Non c'è fretta"
Raffaele Fitto

Il ministro Fitto al Festival di Trento: "Ritardi sul Pnrr? Non c'è fretta"

"Il governo è al lavoro per la modifica del Pnrr così come lo sono gli altri Paesi". A dirlo è il ministro per gli Affari europei, le politiche di coesione e il Pnrr Raffaele Fitto durante il Festival dell'Economia di Trento. E, intercettato da Affaritaliani.it, il ministro non vuole sentire parlare di ritardi sul Piano nazionale di ripresa e resilienza.

"Solo quattro paesi hanno presentato la modifica. Il termine è il 31 agosto e ci stiamo lavorando seriamente. Il Pnrr italiano è il più importante d’Europa con 190 miliardi di euro di risorse. Il lavoro sta andando avanti in modo credibile e ci lascia intendere di poter raggiungere i risultati sperati", ha dichiarato Fitto.

 

Ma non è tutto. Il ministro, poi, spiega: "Sarebbe sbagliato chiedere a ogni singolo ministero italiano una risposta su temi precisi. La settimana prossima presenteremo la nostra prima relazione semestrale. Non c’è nessun termine, né scadenza obbligatoria".

E sull’essere allineati, Fitto tuona: “Abbiamo avuto diversi incontri con ogni ministro. Le differenze non le fanno i rapporti tra i vari ministeri, ma le risorse assegnate. Ci sono necessità di approfondimento diverse".

"Mi sento spesso con il commissario Ue Gentiloni, c'è un ottimo clima di collaborazione", rassicura Fitto. "Abbiamo il termine regolamentare per il 31 agosto. Stiamo lavorando per portare a termine il lavoro, ma bisogna stare attenti perché a volte fare le cose troppo in fretta porta a fare degli errori".

"E come ha detto anche più volte la premier Giorgia Meloni, il nostro orizzonte visuale è quello del giugno 2026, dobbiamo dunque ragionare in questi termini", aggiunge il ministro.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.