A- A+
Economia

Man Group: Rally oro, perché i titoli auriferi non corrono?

I titoli auriferi sono legati al prezzo dell’oro. Se il prezzo del metallo giallo sale, solitamente anche i prezzi dei titoli auriferi si impennano. Pertanto, il recente record dell'oro avrebbe dovuto essere una buona notizia per i titoli delle società minerarie (ci sono circa 85 società aurifere quotate in borsa degne di nota, con una capitalizzazione di mercato complessiva di circa 325 miliardi di dollari).

Invece, stranamente, negli ultimi due anni le azioni dell'oro hanno sottoperformato in modo significativo il metallo stesso. Per capirne il motivo, dobbiamo capire perché l'oro ha sovraperformato. Questo potrebbe indicarci quando i titoli minerari auriferi potrebbero tornare a sovraperformare.

 

grafico
 

 

Perché l'oro è salito così tanto?

Per gli investitori, l'oro è spesso considerato un porto sicuro in tempi di incertezza. Può infatti proteggere dall'inflazione e offrire diversificazione rispetto al dollaro americano. Queste caratteristiche hanno portato il metallo prezioso a sovraperformare l'indice S&P negli ultimi due anni.

In questo contesto, la geopolitica ha svolto un ruolo importante: la guerra in Ucraina ha dato il via a una  “corsa per la sicurezza” e il conflitto in Medio Oriente ha fatto sì che gli investitori avessero bisogno di una copertura contro ogni potenziale escalation.

Ma la risposta degli Stati Uniti all'invasione russa è stata probabilmente più incisiva dell'invasione stessa. Gli Stati Uniti hanno deciso di congelare gli asset in dollari di proprietà della banca centrale russa. Questa mossa ha sorpreso i detentori stranieri di dollari e ha indotto molte banche centrali a diversificare i propri asset rispetto al dollaro. L'oro può offrire proprio questa diversificazione: non è emesso da nessun paese o banca centrale e non comporta quindi rischi politici o di credito.

Le banche centrali hanno aumentato i loro acquisti di oro a livelli record - con quelli della People's Bank of China che hanno rappresentato oltre il 70% degli acquisti del metallo prezioso da parte delle banche centrali lo scorso anno - facendone salire il prezzo. Anche i consumatori cinesi hanno investito in oro, vedendo diminuire la propria ricchezza netta a causa della crisi immobiliare e della discesa dell'indice azionario di riferimento Hang Seng.

I principali fattori che hanno spinto il prezzo dell'oro sono stati dunque la diversificazione delle banche centrali rispetto al dollaro e la ricerca di sicurezza da parte dei consumatori cinesi.

Le ragioni alla base dell'acquisto di oro da parte di entrambi non hanno quindi spinto i prezzi dei titoli auriferi. Entrambi i gruppi sono infatti acquirenti atipici di azioni aurifere: le banche centrali raramente investono in specifici sottosettori del mercato azionario e gli investitori cinesi retail tipicamente non investono in azioni dei paesi occidentali. Inoltre, aspetto forse ancora più importante, i titoli auriferi sono denominati in dollari e i loro profitti sono anch'essi nella stessa valuta: non sono quindi un buon veicolo di diversificazione rispetto al dollaro.

Meno appetito dall’Occidente

Mentre dall’Asia orientale si acquistava oro, coloro che lo detenevano in Occidente lo vendevano, come è stato evidente dall’andamento degli ETF sull’oro degli ultimi due anni. Ciò può essere attribuito in gran parte all'aumento del rendimento dei Treasury Inflation-Protected Securities (TIPS). Il rendimento dei TIPS è una proxy dei tassi di interesse reali. Quando sale, gli investitori possono ottenere un rendimento reale privo di rischio più elevato; quindi, possono vendere oro e scambiarlo con dollari. Quando il rendimento dei TIPS scende, accade il contrario. Grazie agli acquisti asiatici, l'oro ha resistito bene in un contesto di aumento del rendimento dei TIPS. Gli investitori occidentali sono preoccupati che questa relazione si inverta nel momento in cui il prezzo dell’oro dovesse scendere.

Il valore dei titoli minerari auriferi aumenta (quasi) sempre quando il prezzo dell'oro sale. E questi titoli potrebbero sovraperformare quando gli acquirenti occidentali tornano a interessarsene. Storicamente, questo avviene quando il taglio dei tassi d'interesse è imminente, non quando viene costantemente rimandato. In alternativa, una “corsa all'oro” potrebbe essere provocata da un catalizzatore di altro tipo, ad esempio un'escalation del conflitto mediorientale o una svalutazione dello yuan cinese.

*Analisi a cura di Albert Chu, portfolio manager e Angus Poland, analista specializzato in strategie sulle risorse naturali di Man Group






in evidenza
Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo

L'annuncio a sorpresa

Dopo l'addio alla Rai, nuova vita a La7: Giovanna Botteri alla corte di Cairo


motori
La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

La Lamborghini Countach LP 400 S di “The Cannonball Run” compie 45 anni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.