A- A+
Economia
Sapelli: "Il governo ha fatto miracoli, l'Italia sarà un hub energetico"
Giulio Sapelli

Governo e manovra, Giulio Sapelli: "L'Italia deve essere un hub continentale dell'energia"

“L’Italia può e deve essere un hub energetico, ma anche del traffico marittimo e intermodale. Il governo fino ad ora ha fatto miracoli, ora vediamo di continuare su questa strada”. Giulio Sapelli, economista di fama, racconta ad Affaritaliani.it quale sia la sua idea per l’Italia e perché bisogna continuare a insistere sul ruolo nodale che abbiamo raggiunto in questi ultimi due anni. Partendo da una certezza: “Nessuno mi ha chiamato, ma se dovesse servire io ci sono”. 

Professore, oggi il ministro Tajani ha dichiarato che l’Italia può diventare un hub europeo dell’energia: è così?
Su questo non c’è dubbio, ma un hub dell’energia dev’essere inserito in un contesto più ampio. Serve un’infrastruttura globale e intermodale, partendo dal porto di Gioia Tauro. Continuiamo a perdere miliardi che potrebbero andare allo Stato, le navi passano da Gibilterra, risalgono fino a Rotterdam e poi le merci arrivano da noi. Il porto calabrese ha tutte le caratteristiche necessarie per diventare un centro fondamentale nel Mediterraneo. Ha il pescaggio sufficiente per accogliere le grandi navi mercantili, ma finora non abbiamo colto questa possibilità per incapacità e ignavia. Ci avevamo provato, e mi metto anche io tra coloro che lo proposero, ma non ci siamo riusciti. Questo hub energetico, ovviamente, non si può fare senza il Ponte di Messina. 

Secondo lei c’è un disegno che lega con un filo rosso immaginario la morte di Mattei con gli ultimi avvenimenti che ha come scopo quello di tenere l’Italia “a cuccia” in materia energetica?
Mi pare un disegno complottista. L’Italia ha il dovere di parlare con tutti, specie i francesi e i tedeschi, medio orientali e africani. Bisogna tornare a essere mediatori tra Grande Medio Oriente, Europa e Africa, l’Italia deve sfruttare il suo ruolo centrale. L’Eni ha continuato l’opera di Mattei, ma i governi che si sono succeduti dagli anni ’60 in poi non hanno continuato sulla strada tracciato dal “padre” del cane a sei zampe. È clamoroso soprattutto il fallimento di tutti i governi di centro-sinistra, che sono stati incapaci di dotarci un’infrastruttura confacente.

Un giudizio sul governo in carica?
Mi sembra che abbiano fatto i miracoli. Il ministro Urso è una persona di grandissima competenza, di grande esperienza internazionale; Giorgetti è in continuità con Draghi. Vedo questo governo in continuità, più che in rottura, con la precedente esperienza. Io poi ho delle mie idee, più radicali, sulla politica economica: non voglio un’economia di Stato, ma piuttosto la voglio pubblica, i cosiddetti common goods, che sono tutt’altra cosa. Mi sembra che il governo stia andando in quella direzione sia con Ilva che con Priolo.

Un giudizio sul ministro Salvini? 
Quello che Salvini ha detto sul ponte di Messina è una cosa giusta, per il resto è la politica che fa il suo corso… 

La vedo fin troppo diplomatico, professore
È Natale e bisogna essere tutti più buoni. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
energiahubsapelli





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.