A- A+
Economia
Siderurgia ed ecologia: il caso della Danieli

Siderurgia, il progetto green del Gruppo Danieli 

Nell’immaginario collettivo, siderurgia ed ecologia si collocano agli antipodi. Gli impianti siderurgici  richiamano alla mente il fumo e lo smog delle città industriali inglesi o della periferia milanese del  secolo scorso. 

Accade però che con lo sviluppo tecnologico acciaio e ambiente possano non essere in contrasto: è il  caso della Danieli & C. Officine Meccaniche S.p.A., una delle poche multinazionali radicate in Italia, a  Buttrio in provincia di Udine, che da tempo progetta, costruisce e installa macchine e impianti per l’industria siderurgica in tutto il mondo, con un’attenzione crescente verso la sostenibilità ambientale.  

Si tratta, invero, di una realtà industriale con più di cento anni di storia, tanto importante quanto poco  nota fuori dalla cerchia degli addetti ai lavori, con progetti in Olanda per Tata, in Germania per  Salgitter, in Austria per Voestalpine, tutte grandi società del settore. Ad esempio, con quest’ultimo colosso della produzione di acciaio Danieli sta realizzando il “Greentec steel“, un progetto ambizioso  che prevede, in una prima fase, la costruzione di un forno ad arco elettrico in ciascuno degli  stabilimenti di Linz e Donawitz. 

Gran parte del merito della svolta green è da attribuirsi all’l’amministratore delegato Gianpietro  Benedetti, scomparso lo scorso 28 aprile dopo 60 anni di lavoro in azienda e quasi quaranta alla guida  della società, che ha promosso, di anno in anno, importanti investimenti in ricerca e sviluppo (25 milioni di euro nell’ultimo esercizio) e in particolare in tecnologie che permettano una produzione cd.  “green” di acciaio, mantenendo la competitività sul mercato. 

In particolare, l’innovazione in atto mira a rendere operativi i principi della rivoluzione 4.0  nell’industria siderurgica, al contempo migliorando la produttività degli impianti e riducendo le  emissioni di circa il 30%, con un risparmio annuo di quasi 4 milioni di tonnellate di CO2. 

LEGGI ANCHE: Taranto, Ecologia Sociale e Contesti di Vita

Nella stessa prospettiva il contratto, stipulato a inizio 2024, con la giapponese Nippon Steel per una  Experimental Direct Reduction Plant che verrà realizzata presso l’R&D Center di Hasaki, nell’ambito di  un progetto sostenuto dalla New Energy and Industrial Technology Development Organization. 

L’obiettivo del nuovo impianto pilota sarà quello di condurre sperimentazioni relative all’utilizzo di  idrogeno come agente riducente per la produzione di acciaio decarbonizzato. Un progetto a cui  collaboreranno, oltre a Nippon Steel, anche JFE Steel Corporation e il Japan Research and  Development Center for Metals. 

Grazie all’utilizzo di una particolare tecnologia sviluppata da Tenova e Danieli, il nuovo impianto pilota  di Nippon Steel potrà utilizzare idrogeno come agente riducente, ma potrà anche utilizzare gas  naturale e altri gas, oppure una miscela di diversi combustibili, con varie combinazioni e proporzioni.  L’impianto verrà inoltre dotato di un sistema di sequestro della CO2, che consentirà di ridurre  drasticamente le emissioni di anidride carbonica anche quando si utilizzano agenti riducenti  contenenti carbonio (come il metano). 

Sempre nell’ottica della sostenibilità, in linea con l’iniziativa Global Compact dell’ONU, si colloca anche  la complessa vicenda del progetto di insediamento industriale realizzato dalla Danieli con la società  ucraina Metinvest per la produzione di nastri d’acciaio laminati a caldo, che avrebbe dovuto essere  realizzato nel comune friulano di San Giorgio di Nogaro e che si costruirà invece a Piombino, in  Toscana.  

Il progetto friulano prevedeva la realizzazione di un sistema innovativo eco-friendly con impianti di  riscaldo predisposti all’utilizzo dell’idrogeno, consentendo tra l’altro alla ditta ucraina di ricostruire in 

parte la propria capacità produttiva andata perduta con la distruzione degli stabilimenti da parte degli  invasori russi.  

Soprattutto, sarebbe stata l’occasione per implementare alcune tecnologie innovative che avrebbero  potuto avere positivi influssi sui processi produttivi e sul loro impatto ambientale, con benefici di  rilevanza nazionale, anche per sfatare finalmente il luogo comune secondo il quale l’attività di qualsiasi  acciaieria immancabilmente produce gravi danni all’ambiente. 

Dopo un lungo procedimento amministrativo, però, la giunta regionale friulana, guidata dal leghista  Fedriga, faceva marcia indietro e decideva di abbandonare questo progetto, a seguito di una  campagna preoccupata e talvolta allarmistica portata avanti da comitati ambientalisti locali e da  settori della politica e imprenditoria regionale. Anche questa testata, in un articolo critico di Ivan Vadori, può aver contribuito a questo clima e proprio per questo abbiamo ritenuto di fornire ai lettori  un ulteriore approfondimento, anche alla luce anche degli studi tecnici richiesti dalla stessa Regione  Friuli Venezia Giulia che rilevano la compatibilità ambientale e i benefici socio economici che il  progetto avrebbe recato alla Regione e soprattutto alla provincia di Udine.  

Accade così la Danieli e il colosso dell'acciaio ucraino Metinvest realizzeranno a Piombino, città con  lunga e radicata tradizione siderurgica (proprio a Piombino è ambientato il bel romanzo di esordio di  Silvia Avallone “Acciaio”) il nuovo stabilimento ove sarà impiegata la tecnologia innovativa  proprietaria dell'azienda: "il forno elettrico digitale", che permette di ridurre gli impatti ambientali  dello steel-making. Si tratta di un progetto da 2 miliardi di euro per 1.500 lavoratori e una capacità di  produzione di circa 3 milioni di tonnellate di acciaio. 

L’obbiettivo è quello di realizzare un complesso industriale significativo e insieme non dannoso per  l’ambiente: se ciò accadesse, sarebbe certo una buona notizia per l’economia e per l’ecologia del  nostro Paese e un riconoscimento postumo a un imprenditore visionario come Gianpietro Benedetti.






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
BMW Group: crescita record delle BEV e premium nel 1° trimestre 2024

BMW Group: crescita record delle BEV e premium nel 1° trimestre 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.