A- A+
Economia
Grecia, Tsipras: "Se vince il si' mi dimetto". Ricorso a Corte Ue

Un secco no. Il premier greco, Alexis Tsipras, ha chiesto ai suoi concittadini di rigettare nel referendum di domenica prossima il piano dei creditori per dare piu' forza ad Atene per negoziare, ma ha avvertito che in caso di vittoria del si' il suo governo si fara' da parte. "Se il popolo greco vuole procedere con i piani di austerita' in eterno, piani che ci impediranno di risollevare la testa, noi lo rispetteremo ma non saremo noi a darvi attuazione", ha dichiarato il leader di Syriza in un'intervista alla tv pubblica Ert. "Non sono un uomo per tutte le stagioni", ha aggiunto.

Intanto, Atene minaccia di ottenere per via legale quello che non è riuscita ad avere attraverso i negoziati. Ossia minaccia di fare causa all'Ue pur di non essere defenestrata dall'Eurozona. L'ultima trovata è del ministro dell'Economia greco, Yanis Varoufakis: ricorrere alla Corte di Giustizia Ue per ottenere un'ingiunzione contro le istituzioni Ue sia per bloccare l'espulsione di Atene dall'Eurozona sia per fermare quella che definisce, "il soffocamento" del sistema bancario ellenico. In una dichiarazione al britannico Daily Telegraph Varoufakis ha minacciato: "Useremo tutti i nostri diritti legali. Stiamo chiedendo consiglio e certamente considereremo un'ingiunzione alla Corte Europea di Giustizia. I trattati Ue (materia di competenza della corte che ha sede a Lussemburgo) non prevedono l'uscita dall'euro e noi ci rifiutiamo di accettarla. La nostra appartenenza (all'Eurozona) non e' negoziabile".

Il leader greco però punta su una vittoria del no, anche se "potrebbe significare l'uscita dall'euro", e ha avvertito che "più forte sarà il no all'intesa proposta dai creditori e più forti saranno gli strumenti per la Grecia" nei successivi colloqui con i creditori. In questo senso ha citato "l'esempio del referendum in Irlanda sul trattato di Lisbona e i cambiamenti introdotti dopo la vittoria del no". Tsipras si e' detto pronto a parlare ancora ai leader europei per salvare i negoziati e, se gli offrissero un accordo, la Grecia sarebbe pronta a pagare la rata del debito l'indomani. "Il mio cellulare è acceso tutto il giorno", ha spiegato, "chiunque chiami, io rispondo". "Noi non vogliamo rompere l'Eurozona", ha assicurato, "ma faremo tutto il necessario affinchè i greci sopravvivano". "Non credo che i creditori ci vogliano cacciare dall'euro, i costi sarebbero enormi", ha aggiunto.

Nella lunghissima intervista, Tsipras ha attaccato i creditori sostenendo che "vogliono cacciare un governo che ha il sostegno popolare: la loro è una scelta politica". Il premier greco ha anche assicurato che "le banche riapriranno non appena la Bce riaprirà la liquidita'". "Come si puo' pagare il Fondo monetario internazionale se le nostre banche sono portate all'asfissia?", si è chiesto.

Tags:
tsiprasreferendumdimissioni
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.