A- A+
Economia
Vodafone a un bivio: concorrenza a Tim o diventare il primo operatore consumer
Margherita Della Valle, Ceo globale di Vodafone

Vodafone di fronte a un bivio

Nel dinamico panorama delle telecomunicazioni italiane, Margherita Della Valle, CEO di Vodafone, si trova a un bivio strategico: diventare il primo operatore consumer mobile o il principale concorrente di Tim nei servizi di rete fissa? Dopo aver consolidato la sua presenza nel mercato britannico attraverso una fusione con Ck Hutchison e aver ceduto le attività in Spagna a Zegona Communications, Della Valle si trova ora di fronte a decisioni significative per il futuro di Vodafone in Italia. La razionalizzazione del settore delle telecomunicazioni in Italia è considerata necessaria da tutti gli operatori, come evidenziato dai dati riportati nel recente report di Mediobanca. Dal 2010, le aziende del settore hanno subito una perdita di ricavi di 15 miliardi di euro, con le principali (Tim, Vodafone e Windre) che hanno lasciato sul terreno circa il 20% del giro d'affari nel periodo 2018-2022. In questo contesto, una riduzione degli operatori sembra inevitabile. Lo riporta Mf. 

Leggi anche: Tim, Rossi replica al Financial Times: "Kkr un buon affare, nulla di nebuloso"

Vodafone, in particolare, è al centro delle speculazioni sul consolidamento del settore. La CEO Della Valle sta valutando diverse opzioni, con due candidati principali per una potenziale collaborazione: Iliad e Swisscom, quest'ultima già controllante di Fastweb. L'ipotetico matrimonio con Iliad creerebbe il più grande operatore mobile in Italia, con una quota di mercato del 35%. Dall'altro lato, una partnership con Fastweb posizionerebbe Vodafone come il principale concorrente di Tim nei servizi di rete fissa. L'analista Claudio Campanini di Kearney sottolinea che una fusione con Iliad porterebbe a un gruppo con due marchi distinti: Vodafone come marchio premium e Iliad come opzione low-cost, con canali di distribuzione complementari.

Leggi anche: Labriola, il manager che ama correre e che prova a risollevare Tim

Tuttavia, una collaborazione con Fastweb potrebbe portare alla creazione di un marchio unico, dato il posizionamento simile delle due aziende. Sotto il profilo degli investimenti, l'unione con Fastweb consentirebbe a Vodafone di risparmiare in sviluppo di rete 5G, sfruttando una rete già esistente e capillare. La questione della valutazione è anch'essa sul tavolo, con stime che suggeriscono un enterprise value tra 7 e 9 miliardi di euro per le attività in Italia di Vodafone. Indipendentemente dalla direzione scelta, l'industria delle telecomunicazioni italiana è in attesa delle decisioni strategiche di Vodafone, che avranno un impatto significativo sul futuro del settore nel Paese.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.