A- A+
Esteri
Biden, nominata all’Interno Deb Haaland una Greta Thunberg a stelle e strisce

Joe Biden, continuando nel suo processo di nomine inclusive di quello che è la società americana,  ha nominato il deputato Deb Haaland alla guida del Dipartimento degli interni.

La Haaland, membro della Laguna Pueblo nel New Mexico sarà, se confermato, il primo segretario di governo dei nativi americani del paese.

Lo farebbe come capo dell'agenzia, responsabile non solo della gestione delle terre pubbliche della nazione, ma anche con lo spirito di onorare i trattati con le popolazioni indigene a cui quelle terre sono state tolte.

Il team di transizione Biden-Harris ha definito Haaland un "funzionario pubblico che ha infranto molte barriere sociali. Ha trascorso la sua carriera combattendo per le famiglie, nelle nazioni tribali, nelle comunità rurali e in quelle di colore. Haaland sarà pronta, fin dal primo giorno, a proteggere il nostro ambiente e a lottare per un futuro di energia pulita".

In un tweet, Haaland ha sostenuto che “Il crescere nella famiglia dei Pueblo di mia madre mi ha reso feroce. Sarò feroce per tutti noi, per il nostro pianeta e per tutta la nostra terra protetta”.

Di lei Aaron Weiss, vicedirettore del Center for Western Priorities ha detto che “Capisce a un livello molto reale - a livello generazionale, nel suo caso risalente a 30 generazioni - cosa significa prendersi cura delle terre americane".

La nomina è una vittoria per i governi tribali, i gruppi ambientalisti e alcuni legislatori progressisti che avevano fatto pressioni affinché il legislatore del New Mexico guidasse il Dipartimento degli Interni. Non è la prima volta che Haaland fa la storia. Nel 2018, è stata una delle prime due donne native del Congresso, insieme alla rappresentante Sharice Davids del Kansas.

Il Dipartimento degli Interni sostiene le responsabilità del governo federale nei confronti delle 574 tribù indiane riconosciute a livello federale e dei villaggi nativi dell'Alaska. Con un personale di circa 70.000 persone sovrintende anche un quinto di tutta la terra negli Stati Uniti e 1,7 miliardi di acri delle coste del paese. Gestisce parchi nazionali, rifugi per la fauna selvatica e altri terreni pubblici, proteggendo siti biologicamente e culturalmente importanti e allo stesso tempo promuove lo sviluppo delle risorse naturali.

L'amministrazione Biden dovrebbe adottare un approccio molto diverso alle risorse naturali rispetto al suo predecessore, che ha sostenuto lo sviluppo del petrolio e del gas. Biden ha promesso di spostare gli Stati Uniti dai combustibili fossili che riscaldano il clima verso fonti di energia rinnovabili come l'eolico e il solare. E questa sarà una priorità per la Haaland "Il cambiamento climatico è la sfida della nostra vita ed è imperativo investire in un'economia equa e rinnovabile".

Secondo lo U.S. Geological Survey, circa un quarto di tutte le emissioni di carbonio degli Stati Uniti proviene da combustibili fossili estratti su terreni pubblici. Ciò include le emissioni derivanti dalla perforazione, dal trasporto e dalla raffinazione di quei combustibili fossili prima che vengano bruciati.

Nel mondo del petrolio la nomina ha fatto drizzare ‘molte antenne’.

La New Mexico Oil & Gas Association ha invitato la Haaland ad adottare un "approccio equilibrato".

"Lo sviluppo energetico responsabile sulle terre federali è una parte vitale dell'economia del nostro stato-ha detto il gruppo-e le politiche messe in atto dal prossimo Segretario degli Interni determineranno quanto o poco il nostro Stato sarà in grado di supportare bisogni critici come le scuole pubbliche, l'assistenza sanitaria e i primi soccorsi”.

Mike Sommers, amministratore delegato dell'American Petroleum Institute, ha dichiarato che le risorse di petrolio e gas "saranno fondamentali per ricostruire la nostra economia e mantenere lo status dell'America come leader mondiale dell'energia".

Haaland ha anche sostenuto un disegno di legge della Camera che fisserebbe l'obiettivo nazionale di proteggere il 30% delle terre e degli oceani degli Stati Uniti entro il 2030, un piano che l'amministrazione Biden ha adottato e ha posto come priorità in agenda.

"Questo proteggerebbe la nostra fauna selvatica e stimolerebbe l'economia del restauro", ha detto Haaland, e "annullerebbe alcuni dei danni che l’amministrazione Trump ha fatto al nostro ambiente".

Il presidente Trump infatti si è appoggiato all'agenzia per promuovere il suo più ampio programma di "dominazione energetica". Sono stati aperti milioni di acri di terra protetta per lo sviluppo. Milioni di acri aggiuntivi - onshore e offshore - sono stati resi disponibili per il leasing di petrolio e gas. Le normative sulle emissioni di metano e sulla protezione delle specie in pericolo, tra le altre, sono state annullate.

Ecco tutto questo con il nuovo Segretario dovrebbe diventare solo un brutto ricordo.

Commenti
    Tags:
    bidenambientepetroliogreta thunbergkamala harris
    in evidenza
    "Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

    Spettacoli

    "Governo ma non troppo..."
    Crozza imita Speranza. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

    Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.