A- A+
Esteri
Coronavirus, 200 milioni di vaccinati in 100 giorni di presidenza di Biden
Joe Biden (fonte Lapresse )

“Entro il 19 di aprile tutti gli americani adulti potranno avere la possibilità di vaccinarsi contro il Covid-19” lo ha annunciato il presidente Joe Biden nel corso di una visita ad un hub di vaccinazione ad Alessandria nei confini di Washington.

Ed è la seconda volta che il nuovo presidente riesce non solo a mantenere l’obiettivo ma persino ad anticiparne la data di raggiungimento. Appena insediato aveva promesso che nei primi 100 giorni della sua presidenza 100 milioni di americani sarebbero stati vaccinati. Obiettivo raggiunto e superato visto che si veleggia velocemente verso i 200 milioni e adesso l’annuncio di aver anticipato di due settimane la vaccinazione “urbi et orbi”.

Indubbiamente un grande successo. Nonostante ciò il democratico ha voluto ricordare a tutti la prudenza perchè “ il paese è ancora immerso in una corsa mortale contro il virus”.

“Il mio messaggio oggi è molto semplice-ha detto Bien- molti stati hanno già aperto la vaccinazione a tutti gli adulti ma, a partire dal 19 aprile ogni adulto in ogni stato, ogni adulto in questo paese, avrà il diritto di mettersi in fila e ottenere un vaccino Covid “.

"Fatevi vaccinare adesso-ha esortato il presidente-se conoscete qualcuno sopra i 65 anni che non ha ricevuto questo vaccino salvavita, chiamatelo subito. Aiutateli ad ottenere la loro vaccinazione questa settimana o la prossima. Andate a cercarli a casa loro, portateli al centro di vaccinazione, fatelo con i vostri genitori, i vostri nonni, vostra zia o vostro zio, o i vostri vicini".

Il presidente ha poi sottolineato come il caos sulle vaccinazioni negli Stati Uniti sia finito. Le regole confuse sono terminate”. L’ America è stato il primo paese al mondo ad aver somministrato 150 milioni di vaccini in appena 75 giorni.

"Alla fine dei 100 giorni, 200 milioni di persone saranno state vaccinate", ha promesso il presidente.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), un terzo degli americani (su un totale di oltre 330 milioni) ha già ricevuto almeno la prima dose del vaccino; più del 23% degli adulti del Paese è già completamente immunizzato.

Ma Biden è rimasto molto prudente nel suo discorso perchè "fino a quando il vaccino non sarà disponibile in tutto il mondo e non avremo posto fine alla mutazione del virus in altri paesi, non saremo completamente al sicuro".

A sua volta, la Casa Bianca ha escluso l'imposizione di qualsiasi forma di passaporto sanitario per la vaccinazione contro il Coronavirus negli Stati Uniti, ma le società private saranno libere di esplorare l'idea. “Il governo non supporta e non sosterrà un sistema che richieda agli americani di avere una patente di salute. Non ci sarà né un database federale sui vaccini né un mandato federale che richieda a tutti di ottenere una credenziale per la vaccinazione”.

E così, si spera, che anche i burocrati dell’Europa lascino in soffitta l’idea del passaporto vaccinale, ulteriore strumento di complicazione e lesivo dei diritti civili e della privacy.

Commenti
    Tags:
    coronavirusvaccinobiden





    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    
    in vetrina
    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.