A- A+
Esteri
Coronavirus, arrestato McAfee: indossava un tanga come mascherina

Coronavirus, arrestato McAfee: indossava un tanga come mascherina

John McAfee in arresto per 14 ore in Norvegia. Lo ha reso noto su Twitter lo stesso padre del primo antivirus per computer con cui è diventato milionario: appena sceso dal suo jet privato, in aeroporto è stato invitato a togliere il tanga con cui si copriva la bocca e rimpiazzarlo con una mascherina chirurgica. La risposta è stata: "Insisto, è la protezione più sicura disponibile e mi rifiuto di indossare qualsiasi altra cosa - per il bene della mia salute". Ma gli agenti non si sono detti d'accordo e lo hanno fermato in aeroporto. La moglie, Janice, era libera e ha provveduto a fare una serie di foto e a postarle sull'account Twitter del marito con alcuni commenti ironici. Alla fine, lei è risalita sull'aereo. John McAfee è stato rilasciato alcune ore dopo: "Maledetta burocrazia!" ha scritto. Nel frattempo non sono mancate le risate con gli agenti, che però sulla mascherina non hanno ceduto di un millimetro.

La nomination sfuggita alle presidenziali Usa

L'accaduto riporta il milionario 74enne ("compirò 75 anni a settembre, sono vecchio") alla ribalta della cronaca. In tempo per riprovare a candidarsi alle primarie per il partito Libertario per ottenere una nomination per le presidenziali Usa di novembre. Nomination che gli sfuggì quattro anni fa, quando ottenne l'8% dei voti dietro a Gary Johnson, che ebbe la nomination. McAfee, nato in una base militare Usa in Gran Bretagna da padre americano e madre inglese, è il padre del primo antivirus per computer, realizzato nel 1986. Nel 1992, l'azienda valeva 80 milioni di dollari in Borsa. Per evitare due cause, da un dipendente infortunato e per la morte di uno studente della sua scuola di volo, si trasferì in Belize, dove fece investimenti ed era ossessionato dalla lotta al traffico di droga. Nel 2012 fuggì perché la polizia lo cercava per l'omicidio di un vicino, lui sì sospettato di trafficare stupefacenti, con cui aveva avuto frequenti litigi. Fu arrestato in Guatemala per ingresso illegale e rimandato negli Usa. Le autorità del Belize fecero sapere in un secondo momento che lo stavano cercando come testimone e non come sospettato.

Loading...
Commenti
    Tags:
    john mcafeecoronavirusmascherina coronavirusnorvegia
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    BMW lancia l'offensiva ibridi plug-in entry-level della BMW Serie 3 e Serie 5

    BMW lancia l'offensiva ibridi plug-in entry-level della BMW Serie 3 e Serie 5


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.