A- A+
Esteri
Coronavirus, responsabile della salute mentale e i sanitari i più a rischio

Il Coronavirus è responsabile anche della salute mentale delle persone. Non è certo una novità ma è anche la prima volta che uno studio analizza i tanti i problemi sorti in quest’anno disgraziato: dalla paura del contagio, alle preoccupazioni finanziarie, all’allontanamento sociale e fisico, per finire con l’angoscia per parenti ed amici. Tanti problemi registrati dal più grande lavoro scientifico mai fatto fino ad ora.

Problemi rilevati da uno studio realizzato in Canada, presso l’Università di Ottawa guidato da Jude Mary Cenat professore di psicologia clinica insieme ad un team di esperti e pubblicato sull’autorevole Psychiatry Research.

Le conclusioni danno un quadro preciso della gravità della situazione ‘Ci siamo ispirati alle analisi che abbiamo condotto in precedenza sull'impatto dei focolai di Ebola sulla salute mentale di alcune comunità africane’ ha detto il capo del team.

Il gruppo canadese ha condotto, tra gennaio e maggio, un’analisi utilizzando i dati di 55 studi internazionali (con quasi 200.000 partecipanti). Gran parte di queste informazioni provenivano dalla Cina, ma sono stati utilizzati anche dati provenienti da lavori svolti in Italia, Perù, Stati Uniti, Spagna, Iran, e altri paesi. ‘Nonostante gli studi cinesi fossero i più ricchi di dati, i risultati non sono stati molto differenti da quelli di altre aree del mondo.

Gli esperti canadesi hanno scoperto che la prevalenza dell'insonnia era del 24%, quella del disturbo da stress post-traumatico raggiungeva il 22%, quella della depressione era del 16% e quella dell'ansia raggiungeva il 15%.

I problemi legati a stress post-traumatico, ansia e depressione erano, rispettivamente, cinque, quattro e tre volte più frequenti rispetto a quanto l'OMS ( l’Organizzazione Mondiale della Sanità) considera livelli normali.Ed erano gli stessi in tutte le aree geografiche considerate e soprattutto in tutte le categorie di lavoratori e persone.

Unica differenza sull’insonnia che toccava i lavoratori sanitari in una misura doppia. ‘Abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per comprendere meglio questa differenza-sostiene il professore canadese-molti dati sono stati pubblicati negli ultimi tre mesi ed è essenziale uno studio più approfondito’.

‘Tuttavia, in altri lavori che abbiamo svolto sulla salute mentale all'indomani del terremoto di Haiti forniscono indizi. Abbiamo scoperto-rileva Cenat- che i livelli di depressione e ansia erano più alti tra gli haitiani che hanno lasciato il paese rapidamente rispetto a quelli che sono rimasti. Quando sei in prima linea, non puoi permetterti di abbassare le braccia. E l'insonnia è un modo in cui si manifestano le tue paure e le tue preoccupazioni’.

Lo studio conferma che l'insonnia può innescare altri problemi, come depressione e idee suicide. In questo modo, Jude Mary Cénat e il suo team hanno messo in guardia soprattutto sul rischio per la salute mentale degli operatori sanitari poiché questi individui sono i più esposti alla pandemia.

In un altro studio condotto dal professore Cenat nella Repubblica Democratica del Congo è emerso che i problemi di salute mentale tra il personale che ha combattuto contro l'Ebola sono aumentati dopo che i casi di malattia sono diminuiti. ‘È necessario aiutare questi lavoratori. Eseguire un follow-up, creare una rete di supporto, individuare chi ha bisogno di aiuto’.

A ottobre, l'OMS ha pubblicato un rapporto in cui rilevava che la crisi del COVID-19 ha interrotto o paralizzato servizi di salute mentale nel 93% dei paesi del mondo proprio quando sarebbero maggiormente serviti.

‘I leader mondiali devono agire rapidamente e con decisione per investire di più in programmi di salute mentale salvavita, durante la pandemia e oltre’, ha ripetuto Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS. ‘Questi servizi sono stati ridotti o sospesi in un periodo di grande impatto sulla salute mentale, sia per le persone che già avevano problemi sia per altri che hanno iniziato a soffrirne. Avremmo dovuto mostrare maggiore comprensione e innovazione’ ha rilevato lo psicologo canadese.

Il professore dell'Università di Ottawa è convinto che ci sia molto da fare in questo campo ‘Ad esempio, devono essere prese in considerazione le caratteristiche sociodemografiche e altri elementi che servono a costruire un piano di risposta efficace per questa e altre pandemie. Dobbiamo anche incorporare i dati delle persone che hanno contratto il Covid 19’.

Uno studio pubblicato all'inizio di novembre su The Lancet Psychiatry ha rilevato che al 18% dei pazienti negli Stati Uniti che hanno contratto il Coronavirus è stato diagnosticato un problema di salute mentale tra 14 e 90 giorni dopo il test positivo.

 

 

 

Commenti
    Tags:
    sanitaricoronavirusansiadepressionepauracanada
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Elisabetta Canalis, rosso... fuego Sfida Tokyo de La Casa di Carta

    Gossip-Gallery

    Elisabetta Canalis, rosso... fuego
    Sfida Tokyo de La Casa di Carta

    i più visti
    in vetrina
    Isola dei Famosi 2021, Gascoigne si porta 3 oggetti e fa una bella promessa

    Isola dei Famosi 2021, Gascoigne si porta 3 oggetti e fa una bella promessa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare

    Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.