A- A+
Esteri
Così la Francia fa la morale agli italiani mentre depreda l'Africa

Così la Francia tiene il guinzaglio a tutta l'Africa

Di recente i politici francesi han fatto presente che noi italiani non sappiamo trattare coi migranti. È opportuno comprendere come la Francia si relaziona con l’Africa, e quando la nazione di Macron abbia influenzato il continente, e non per il meglio. Facciamo il punto. Partendo da un punto: che i nostri “cugini” riceveranno circa 500 milioni nei prossimi tre anni dal Regno Unito per evitare “l’invasione” di migranti verso le scogliere di Dover. 

Francia e Regno Unito, nell’abbandonare le loro colonie (o nell’esser cacciati), lasciarono dei servi fedeli. Il Regno Unito usò i suoi servitori coloniali per creare una rete di ragno dove le ex colonie, paradisi fiscali, riciclano soldi sporchi. La Francia non era così avanzata, finanziariamente, quindi dovette inventarsi soluzioni più alla buona: import-export con qualche trucchetto monetario, per guadagnarci sempre.

Nel 1945 la Francia creò la Franc des Colonies Françaises d’Afrique (CFA franc): una moneta utilizzabile solo nelle colonie africane. Poi vennero create le unioni. Il Central African Economic and Monetary Union (CEMAC) e il West African Economic and Monetary Community (WAEMU): due aree africane che fanno parte della zona CFA. WAEMU ha 8 membri: Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea-Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo. La loro moneta comune è il “franc de la Communauté Financière de l’Afrique (CFA)” emessa dalla Central Bank of the West African States (BCEAO) a Dakar, Senegal. Il CEMAC ha sei membri: Camerun, Repubblica del Centro Africa, Ciad, Congo, Guinea Equatoriale, Gabon. La loro moneta comune è il “franc de la Cooperation Financiere Africaine” emesso dalla Bank of the Central African States (BEAC) locata a Yaoundé Camerun.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bollorèfranciaitalia





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.