A- A+
Esteri
Covid, l'India supera il Brasile per numero di contagi
La Presse

Corre veloce il coronavirus in India. Corre talmente tanto forte che l'ente regolatore del farmaco indiano, la Drug Controller General of India (Dcgi), ha autorizzato in tutta fretta l'utilizzo del vaccino russo Sputnik V. Questo per cercare di arginare l'esplosione di contagi e mettere un freno alla diffusione del virus. Solo ieri, infatti, sono stati circa di 170mila i contagiati: il Covid sta investendo come un uragano il colosso asiatico.

Ma c'è un triste primato da sottolineare: l'India supera il Brasile per numero di contagiati da inizio pandemia, circa 13,5 milioni e 170mila morti. Numeri che però potrebbero non corrispondere al vero ed essere al ribasso a causa delle vittime causate dal virus nelle zone più remote o rurali della nazione che sono difficili da verificare.
Questi numeri portano l'India ad essere il secondo Paese al mondo più colpito dal coronavirus, dopo gli Usa e prima del Brasile.

Per queste ragioni dalla capitale indiana si cerca in tutti i modi di velocizzare la campagna vaccinale e si firmano accordi.
Uno su tutti è quello che vede protagoniste diverse casa farmaceutiche indiane, fra loro Gland Pharma, Hetero Biopharma, Panacea Biotec, Stelis Biopharma e Virchow Biotech, e il fondo sovrano russo Rdif, Russian Direct Investment Fund, per la produzione in India dello Sputnik V.
Dunque, a breve inizierà la produzione interna del vaccino russo che andrà ad aggiungersi ai due già esistenti: il Covishield (su licenza Astrazeneca) e Covaxin di produzione interna.

Nel frattempo, l'amministratore delegato del Russian Direct Investment Fund, Kirill Dmitriev, ha fatto sapere che “L'India è nostro partner strategico per la produzione di Sputnik, sia per la produzione sia per la vaccinazione della popolazione interna ma anche per la distribuzione globale. Saranno circa 850 milioni le dosi prodotte e saranno in grado di vaccinare più di 425 milioni di persone nel mondo”.
Il più grande produttore di vaccini del pianeta per numero di dosi prodotte e vendute, l'indiano Serum Institute, ha già prodotto circa 50 milioni di dosi di Covishield, mentre Bharat Biotech ha immagazzinato 20 milioni di dosi di Covaxin. Ma sarebbero almeno quattro gli altri vaccini in preparazione e dovrebbero disponibili in breve tempo.

Intanto, il colosso asiatico sta pensando già alla fase 2 della campagna vaccinale che dovrebbe coprire almeno 270 milioni di persone, gli over 50 e le persone che presentano patologie complesse come il diabete e malattie cardiovascolari. Secondo il programma governativo entro agosto l'India dovrebbe riuscire a vaccinare 300 milioni di persone.

Commenti
    Tags:
    covidcoronavirussputnikastrazenecabrasileusaindiacampagna vaccinale
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Claudio Baglioni compie 70 anni I fan gli dedicano un murales

    Roma

    Claudio Baglioni compie 70 anni
    I fan gli dedicano un murales

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off

    L 'Abarth 1000 SP degli anni sessanta rinasce sotto forma di una one-off


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.