A- A+
Esteri
Covid, la Cina trema sul caos Shanghai. Proteste e scontri con la polizia

Covid, il lockdown di Shanghai fa infuriare i cinesi: proteste e scontri

Gli abitanti di Shanghai si sono azzuffati con la polizia che aveva ordinato di consegnare le loro case ai pazienti Covid-19, come si evince da alcuni video postati sui social media che forniscono uno sguardo raro sul crescente malcontento nella megalopoli per la risposta inflessibile al Coronavirus. Shanghai, città di 25 milioni di abitanti e motore economico della Cina, è diventata il cuore del più grande focolaio del Paese dal picco della prima ondata di virus a Wuhan oltre due anni fa ed e' un esempio della rigorosa politica zero-Covid condotta dalle autorità cinesi.

I residenti bloccati dall'inizio di aprile si sono lamentati della carenza di cibo e di funzionari veramente zelanti che li hanno costretti alla quarantena, mentre le autorità si affrettano a costruire decine di migliaia di letti per ospitare i pazienti Covid-19, a fronte di infezioni giornaliere che superano quota 20 mila. Nella serata di giovedi' sui social media sono circolati video che mostrano gli abitanti di Shanghai all'esterno di un complesso che urlano contro schiere di funzionari in possesso di scudi sui quali si legge la scritta "polizia", mentre gli agenti cercano di sfondare la loro linea.

Shanghai, lockdown severissimo: mancano cibo e medicinali

In una clip, la polizia sembra aver effettuato diversi arresti poiché i residenti li accusano di "colpire le persone". L'incidente e' stato innescato dopo che le autorità hanno ordinato a 39 famiglie di trasferirsi dal complesso "per soddisfare le esigenze di prevenzione e controllo delle epidemie" e di ospitare i pazienti Covid nei loro appartamenti, secondo Zhangjiang Group, che gestisce il complesso residenziale. I video mostrano dunque la rabbia della popolazione in Cina relativamente alla politica di rigore sul Covid. 

Il Messaggero parla di "grida disumane, scontri con la polizia, trasferimenti forzati nei centri per la quarantena, cani e gatti abbattuti per timore del contagio. Shanghai, il centro della finanza, la finestra della Cina sul mondo, è un totale disastro. Nei centri per la quarantena, di solito sale congressi o palestre riconvertite, non va certo meglio: mancherebbero i letti e le docce e le condizioni igieniche lascerebbero molto a desiderare. La luce è accesa giorno e notte. Ha fatto discutere nei giorni scorsi il trattamento inumano riservato ai bambini positivi al virus, spesso molto piccoli, probabilmente lasciati soli a piangere dopo essere stati strappati ai genitori risultati negativi. Le autorità cinesi avevano difeso la misura". Sempre il Messaggero: "Ma diversi diplomatici europei di stanza a Shanghai avevano inviato una lettera al governo locale lo scorso 31 marzo per richiedere l'annullamento di varie disposizioni, in particolare che i bambini non fossero allontanati dai genitori, in nessun caso. Risultato: i funzionari pare si siano ammorbiditi".

Leggi anche: 

" Ucraina, Trump imita Biden: "Genocidio". La politica Usa non vuole la pace

Fisco, da Lega e Fi parole roboanti sul no alle tasse, ma Draghi tiene duro

Covid, parla l'esperto Tritto: "Virus mutevole, i vaccini di oggi non servono"

Generali: Caltagirone e Cirinà danno battaglia sulle colonne del Messaggero

Maddalena Corvaglia, Pasqua mozzafiato alle Baleari. FOTO

Sileri: "A maggio probabile fine obbligo mascherine al chiuso". VIDEO

Forum di Delfi, l'innovazione è una risorsa contro le disuguaglianze

Terna, adottato protocollo Envision per la sostenibilità delle opere

Consorzio Elis, inaugurato al CEO Meeting il nuovo Semestre di Presidenza

Commenti
    Tags:
    cinacoronaviruscovidlockdownshanghai





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1


    motori
    Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

    Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.