A- A+
Esteri
"Edi Rama? Un pivot alla Meneghin". Il premier albanese giocava a basket
Edi Rama

Spiro Leka era il play del Partizan di Tirana quando il 3 novembre del 1988 l’allora Scavolini con Daye e Cook esordì in Eurolega volando in Albania. All’aeroporto ad accogliere la squadra pesarese che era decollata da Rimini c’era proprio l’attuale presidente albanese Edi Rama in qualità di interprete per la Scavolini

 

"Da ragazzo lo chiamavo testone. Aveva la testa grossa".

A chi lo chiamavano così?

"Al presidente dell’Albania Edi Rama. Era un pivot di quelli ‘sporchi’, alla Meneghin, per intendersi".

Chi parla a www.ilrestodelcarlino.it è Spiro Leka, albanese, ex giocatore di basket del Tirana ed oggi allenatore: ha guidato per una stagione anche la Vuelle, ed ora è nello staff della Colombia University negli Stati Uniti. Leka abita a Pesaro dal 1991 "e penso che questa estate porterò a Pesaro alcuni dello staff tecnico e qualche giocatore per gli allenamenti – continua – un po’ come ho fatto con Daniel Hackett che tutte le estati a Pesaro si allenava con me ed ha anche migliorato molto nel tiro dalla distanza".

Spiro Leka era il play del Partizan di Tirana quando il 3 novembre del 1988 l’allora Scavolini con Daye e Cook esordì in Eurolega volando in Albania. All’aeroporto ad accogliere la squadra pesarese che era decollata da Rimini c’era proprio l’attuale presidente albanese Edi Rama in qualità di interprete per la Scavolini. Rama è diventato popolare in Italia dopo gli accordi fatti pochi giorni fa per creare dei centri di accoglienza per migranti nella sua Patria dopo l’incontro con la Presidente del Consiglio italiana Giorgia Meloni.

Leka torniamo a Edi Rama: ancora amici?

"Certamente, tanto che un paio di mesi fa ero in Albania e durante una inaugurazione di un hotel ha voluto che sedessi accanto a lui e poi mi ha presentato anche all’ambasciatore spagnolo e alle autorità presenti".

Di quella partita di Eurolega cosa ricorda?

"Sicuramente quando Edi Rama entrò nella stanza di Valerio Bianchini che ebbe paura e disse subito che non aveva fatto nulla. In realtà Rama, che è ancora amico di Bianchini, era entrato nella stanza solamente per fargli omaggio di un suo quadro. Perché Rama era ed è un pittore. E Bianchini fu anche molto carino con me perché venne da me e mi regalò – in quella partita feci 17 punti – una cravatta che aveva comprato nel negozio Linea Uomo per il Corso".


Dall’Albania Rama seguiva la sua carriera tecnica in Italia?

"Certamente e ci sentivamo spesso anche perché vedeva tutte le partite di Pesaro e si commentava anche al telefono i risultati. Un peccato quell’annata, perché per tre gare perse, sono sceso dal piedistallo dell’eroe".

Mai venuto a Pesaro Edi Rama?

"No, anche se in Italia è venuto molte volte. Invitarlo? Ora è difficile, è un capo di Stato".

In quella trasferta durata un giorno oltre alla squadra (c’erano anche Costa e Magnifico), anche un paio di cronisti, Silvano Clappis per l’agenzia Ansa e Luciano Murgia per la radiocronaca. "Persona gentilissima e molto carino con noi e la cosa che ci ha subito meravigliato – ricorda Luciano Murgia – il fatto che parlasse benissimo l’italiano. E quando gli abbiamo chiesto la ragione, lui ci ha risposto che lo aveva imparato seguendo le trasmissioni di Canale 5, l’unica Tv italiana che si prendeva nell’altra sponda dell’Adriatico. "Sarebbe bello organizzare una sfida tra due pivot, sul campo neutro di Pesaro: Rama da una parte e il ministro Crosetto dall’altra che militava nel Torino quando sponsor era la Berloni cucine", dice un tifoso. Ambasciatore della sfida? Spiro Leka.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti

Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti


motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.