A- A+
Esteri
Francia, rivolta contro la riforma delle pensioni "non negoziabile" di Macron

Macron non arretra sulla riforma delle pensioni: preso d'assalto dai francesi

Emmanuel Macron è sotto assedio. Una parte non banale della sua Francia si rivolta contro la riforma delle pensioni che per il presidente è il vecchio cavallo di battaglia sin dal suo primo mandato. Se allora decise di rimandare i suoi piani per paura di pregiudicare la sua rielezione all'Eliseo, stavolta Macron sembra convinto ad andare fino in fondo. Con il rischio di scatenare una nuova sfida per le piazze e per le strade della Francia come già accaduto in passato coi gilet gialli.

Il ministro del Lavoro francese Oliver Dussopt ha dichiarato d'altronde che l'innalzamento dell'età pensionabile a 64 anni è "non negoziabile", un giorno dopo che più di un milione di persone ha marciato in segno di protesta contro la misura proposta e un leader sindacale ha invocato scioperi a oltranza. I sondaggi d'opinione mostrano che una maggioranza sostanziale in Francia si oppone all'aumento dell'età pensionabile a 64 anni da 62, una mossa che il presidente Macron sostiene essere vitale per garantire la sostenibilità del sistema pensionistico.

Il governo sostiene che le modifiche sono fondamentali per garantire il futuro finanziamento del sistema pensionistico, che si prevede andrà in deficit nei prossimi anni. Ma gli oppositori politici e i sindacati sostengono che il sistema è attualmente in equilibrio, facendo notare che il capo del Consiglio consultivo indipendente sulle pensioni ha recentemente dichiarato al Parlamento che "la spesa pensionistica non è fuori controllo, è relativamente contenuta".

Più di un milione di cittadini in piazza, protestano anche i comuni

Un totale di oltre un milione di persone ha partecipato alle proteste a livello nazionale martedì, con un leggero aumento rispetto alla prima manifestazione nazionale del 19 gennaio, ha dichiarato il Ministero degli Interni. E la prospettiva è che la partecipazione continui ad aumentare. Il leader del sindacato di sinistra CGT Philippe Martinez ha invocato ulteriori azioni sindacali, accusando il governo di minimizzare l'opposizione alla sua riforma.

"Credo negli scioperi a rotazione. Il governo sta cercando di minimizzare il malcontento. Il primo ministro e il presidente ci stanno portando a questo. Stanno giocando al tiro alla fune", ha dichiarato alla radio France Inter. Per i sindacati, tuttavia, la sfida sarà quella di mantenere gli scioperi in un momento in cui l'alta inflazione sta erodendo i salari. In una conferenza stampa congiunta al termine della marcia di martedì, i leader sindacali hanno dichiarato che organizzeranno altri scioperi e manifestazioni contro la riforma il 7 febbraio, un martedì, ma anche l'11 febbraio, un sabato in cui la maggior parte delle persone non lavora.

Il problema per Macron è che il tema è diventato, come ovvio, politico. Con la rivolta che non si ferma alle persone comuni, ma arriva anche nei palazzi del potere. Alcuni municipi gestiti dalla sinistra hanno chiuso completamente o parzialmente in solidarietà con le proteste, compreso il municipio di Parigi, scatenando la rabbia dei ministri. In occasione della protesta parigina, la sindaca socialista di Parigi, Anne Hidalgo, ha accusato il governo di "vergognose bugie" per aver sostenuto che il cambiamento delle pensioni fosse necessario.

Macron, assediato come un sovrano dei secoli scorsi, non sembra intenzionato a cedere. Anzi, ha ripetutamente detto ai francesi che "devono lavorare di più" e ha fatto della questione delle pensioni un indicatore del suo obiettivo di trasformare la Francia e di rivedere il suo modello sociale e il sistema di welfare. Negli ultimi giorni, il governo ha inasprito i toni per ribadire che i cambiamenti ci saranno: l'innalzamento dell'età pensionabile per la maggior parte delle persone e l'aumento degli anni di contributi necessari per ottenere una pensione completa.

Il tutto si incrocia alle recenti nuove misure che dotano di poteri speciali la polizia e le forze dell'ordine in occasione e in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024. Con dunque la critica e il timore che questi poteri speciali possano venire usati per soffocare le proteste.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
franciamacronpensioni





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "ravenge song" contro il suo ex


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Alfa Romeo Giulietta Sprint, celebra 70 anni di storia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.