A- A+
Esteri
Griner con della cannabis a Mosca: la star del basket condannata a 9 anni

Caso Griner, considerata una delle migliori giocatrici del mondo, è stata arrestata a febbraio al suo arrivo a Mosca dopo che le è stato trovato in valigia dell'olio di cannabis

Brittney Griner, la star del basket statunitense, finisce di nuovo nel mirino del vortice mediatico, dopo che lo scorso 17 febbraio è stata arrestata a Mosca dopo essere scesa da un aereo con in valigia alcune fiale di olio di cannabis. Ora è arrivata la condanna a nove anni. Una sentenza "inaccettabile", ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.

La rapida conclusione del processo è però funzionale allo scambio di prigionieri che Mosca e Washington stanno discutendo. Griner e l'ex militare Paul Wehlan potrebbero infatti tornare negli Stati Uniti a condizione del rimpatrio del trafficante d'armi russo Viktor Bout, incarcerato negli Stati Uniti.

Lo scambio non poteva però essere attuato prima dell'emissione di un verdetto per Griner, che si è dichiarata colpevole ma ha affermato che non intendeva infrangere la legge o utilizzare la sostanza vietata in Russia. Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha gia' detto che vuole incontrare il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov e ha ribadito la "determinazione" di Washington a "riportare a casa" gli americani "ingiustamente detenuti" da Mosca.

Caso Griner, ira di Biden: "Inaccettabile e chiedo alla Russia di rilasciarla immediatamente"

"Ho commesso un errore onesto e spero che la vostra sentenza non porti la mia vita a finire qui", ha detto Griner in aula. "Desidero che la corte capisca che è stato un errore in buona fede che ho commesso mentre ero di fretta, sotto stress, cercando di riprendermi dalla convalescenza del Covid e di tornare semplicemente dalla mia squadra".

Il tribunale "ha ritenuto l'imputata colpevole" di contrabbando e possesso di "una notevole quantita' di narcotici", ha scandito il giudice Anna Sotnikova del tribunale di Khimki, nei pressi di Mosca. Oltre alla pena detentiva, la cestista trentunenne dovra' pagare una multa di un milione di rubli, pari a 16.590 dollari. L'accusa aveva chiesto nove anni e mezzo, appena sei mesi in meno della pena massima prevista.

"La Russia sta trattenendo ingiustamente Brittney. E' inaccettabile e chiedo alla Russia di rilasciarla immediatamente in modo che possa stare con sua moglie, i suoi cari, gli amici e i compagni di squadra", ha affermato il presidente degli Stati Uniti. Biden ha ribadito che lavorera' "instancabilmente" e perseguira' "ogni possibile strada" per rimpatriare Griner, due volte medaglia d'oro olimpica e campionessa dell'Nba femminile.

Di "verdetto assolutamente irragionevole" parlano invece gli avvocati che hanno difeso Griner, Maria Blagovolina e Alexander Boykov, annunciando che presenteranno "sicuramente" ricorso. "La corte ha completamente ignorato tutte le prove della difesa e, soprattutto, la dichiarazione di colpevolezza", hanno lamentato i legali in una nota.

Griner si era recata in Russia per giocare in una squadra russa, l'Ummc Ekaterinburg, durante la bassa stagione degli Stati Uniti, un percorso comune per le star americane in cerca di redditi aggiuntivi. La cestista ha affermato che aveva con sè cannabis terapeutica, sotto autorizzazione medica, allo scopo di alleviare il dolore causato dalle numerose lesioni, "dalla colonna vertebrale alle cartilagini". 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    basketgrinerusa





    in evidenza
    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    L'intervista sul Nove

    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.