A- A+
Esteri
Guerra in Ucraina, Putin non si ferma: bombarda i cervelli dei popoli liberi

Guerra Russia Ucraina, Mosca avanza e mezzo Occidente fa il doppio gioco

Dopo i primi quattro mesi di guerra in Ucraina i civili uccisi sono più di 26.000. Sommando i militari morti di entrambe le parti, si è oramai vicino a 100.000 vittime. Intere città e vaste zone sono distrutte. I numeri parlano da soli. E sono destinati irrimediabilmente a salire. L’aggressore ha un solo nome, la Russia di Putin. E il ministro degli Esteri Lavrov accusa l’Occidente: “La Ue e la Nato sono come Hitler”. Siamo tornati al ministro della propaganda nazista Goebbels: “Ripetete una bugia cento, mille volte, un milione di volte e diventerà una verità”.

Dopo questi primi quattro mesi di guerra in Ucraina c’è uno zoccolo duro di cittadini in Europa, particolarmente in Italia, con media compiacenti e forze politiche del “doppio gioco” per interessi elettorali, che sta ancora con “un piede di qua e uno di là” non ancora certi che l’aggressore sia la Russia e ancor meno convinti che il regime oligarchico di Putin sia una dittatura di fatto, con elezioni-farsa, con gli oppositori impossibiliti a esprimersi, incarcerati e assassinati. Sono gli stessi che non sanno o fingono di non sapere quel che ripete l’agenzia statale Ria Novosti: “Dopo la guerra la Russia dovrà istituire una specie di Tribunale di Norimberga per i crimini compiuti dai nazisti ucraini rieducando l’intero popolo ucraino con programmi scolastici appositi e che lo stesso nome della nazione andrà cancellato e sostituito da quello di “Piccola Russia”.

Ancora. Sono gli stessi che  prendono per buono il risultato del referendum con l’83% dei russi pro Putin quando il 90% non ha risposto perché teme di venire individuato e schedato come contrario al regime pagandone le conseguenze con la perdita del posto di lavoro, con interrogatori brutali nei posti di polizia speciale, con il carcere, con la rieducazione forzata, con il campo di concentramento. In Russia, così come in Cina, Corea del Nord, Turchia ecc., non c’è spazio per nessun tipo di dissidenza. L’Italia, in particolare con i due precedenti governi Conte, sbagliando, è stata fra i Paesi più solerti ad “aprire” incondizionatamente ai magnati russi del “giro” di Putin e a far proliferare una rete di influencer e opinionisti che fanno propaganda strumentale per Mosca potendo contare su politici, parlamentari, manager, imprenditori, giornalisti del Belpaese, condizionando così l’opinione pubblica italiana, in modo traversale.

Ciò, comunque, non porta fuori dallo stato di crisi in cui la Russia è sprofondata, sia sul piano interno (è un Paese in mano agli oligarchi e al cerchio degli ex Kgb amici di Putin), sia sul campo di guerra in Ucraina (il fallimento della presa di Kiev è emblematico), che su quello politico internazionale, sempre più isolata. In questo senso ha un grande significato politico il fatto che Ucraina, Moldavia e Georgia hanno appena ottenuto la “prospettiva europea” (i primi due hanno ottenuto lo status di “candidatura europea”) e che altri Paesi confinanti con la Russia e non solo (Paesi nei Balcani) vogliono entrare nella Unione europea e anche nella Nato.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaputinterza guerra mondialeucraina





    in evidenza
    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    L'attacco a Fernando Alonso

    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.