A- A+
Esteri
Guerra Russia Ucraina, la democrazia alla prova della pace

Guerra Russia Ucraina: Europa e Occidente tengono botta. Russia all'angolo

Che l’Occidente democratico, abbia tenuto botta al primo anno di guerra con una compattezza d’altri tempi è indubbiamente un fatto. Che anche l’Europa, divisa praticamente su tutto, abbia ritrovato nella guerra ucraina una ragione d’unità e, in campo energetico, una spinta all’emancipazione e all’approvvigionamento differenziato è altrettanto indubbio. Che, infine, la Russia sia stata messa all’angolo da un atteggiamento imprevedibile ma anche assai plausibile del “mondo libero” è senza alcun dubbio una realtà.

Detto ciò, rimane un vulnus: l’incapacità di un confronto serio, maturo e realistico con la pace. L’incapacità, cioè, di trovare in otto anni di guerra, prima, e ad un anno dalla sciagurata invasione russa, adesso, un modo/piano/percorso politico-diplomatico per mettere al riparo questo nostro tempo da una (mai tanto vicina) catastrofe nucleare.

Guerra Russia Ucraina: la pace è il vero banco di prova della democrazia

Quella democrazia che alla prova della guerra ha dato segni di estrema vitalità riconoscendo e riaffermando i valori della libertà, dell’autodeterminazione dei popoli, della inviolabilità dei confini nazionali e del rispetto dei trattati internazionali per una convivenza comune, rischia di manifestare tutta la propria fragilità e la propria inadeguatezza di fronte alla pace.

Il problema è che tutti, in Occidente, vanno fieri della guerra e sulla guerra vedono crescere il proprio consenso. Un Joe Biden alle corde all’interno del Partito Democratico americano ha ritrovato nella guerra -che, c'è da immaginarlo, farà durare fino alle soglie delle elezioni presidenziali del 2024 per poi tentare di farsi paladino della pace- la ragione della ricandidatura. Per non parlare di Emmanuelle Macron isolato in patria, o la stessa Premier italiana Giorgia Meloni che dalla visita a Kiev ha riscontrato un aumento di consensi personali del 5% in qualche ora.

Questa è la realtà. Realtà che rivela come ogni tentativo di pace, di accordo, di soluzione sia -al momento: vedi l'accoglienza riservata in queste ore alla timida proposta di pace cinese-  criticata, osteggiato, persino, deprecato.

Ecco il vero banco di prova della democrazia: non già la guerra che è l’opzione sempre più facile, conveniente e persino scontata in un mondo di “nemici”, bensì la pace; quella soluzione giusta e duratura per un conflitto scellerato nato -non si dimentichi mai- quasi dieci anni fa.

Questa la sfida per un Occidente che si gloria di rappresentare la “casa della democrazia” e il "baluardo della libertà"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerraguerra russia ucrainapaceucraina russia





in evidenza
Ferragni-Fedez, ritorno di fiamma? "Chiara mi ha detto che..."

Rumor

Ferragni-Fedez, ritorno di fiamma? "Chiara mi ha detto che..."


in vetrina
Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui

Tennis/ Sinner, nuovo numero uno al mondo? La bella Anna è in tribuna per lui


motori
Lamborghini trionfa al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2024

Lamborghini trionfa al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.