A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, il fallimento di Putin. La Russia verso l'autodistruzione

Guerra in Ucraina, i calcoli sbagliati di Vladimir Putin

Un'invasione breve e soprattutto efficace. Un'Ucraina completamente assoggettata ai voleri di Mosca, non solo neutrale ma con un governo apertamente filorusso. Annessione dei territori orientali, esercito vincente senza subire perdite rilevanti e senza nemmeno bisogno di arrivare agli estremi rimedi perché i nemici avrebbero se non aperto la strada quantomeno favorito una soluzione negoziale rapida vista la superiorità russa. Un occidente che resta a guardare come sembrava aver fatto presagire Joe Biden coi suoi distinguo di reazione a seconda che si fosse trattato di una vera invasione oppure di una "piccola incursione". La presunta alleanza con la Cina tirata a lucido e un occidente spaurito non in grado di reagire in modo efficace e uniforme.

I piani di Vladimir Putin, comunque vada a finire in Ucraina, sono stati disattesi. Comunque vada, gli obiettivi non sono stati raggiunti. O qualora quelli sul campo potrebbero essere parzialmente ottenuti lo saranno con una lunga serie di note dolenti in grado di portare la Russia sull'orlo del precipizio. Partiamo dall'economia. Fitch si attende che l'economia russa "crolli nel 2022" per effetto delle sanzioni che stanno danneggiando "in modo massiccio" il suo sistema bancario e le sue relazioni commerciali e stanno spingendo molte multinazionali a chiudere le loro attività in territorio russo.

Guerra in Ucraina, gli effetti sull'economia della Russia

Il grado del crollo, chiaramente, dipenderà dalla durata del conflitto e dall'estensione delle sanzioni. Con una situazione fluida come l'attuale le stime potrebbero essere presto ritoccate ulreriormente a ribasso di quell'8% di calo ipotizzato ora dall'agenzia di rating per il prodotto interno lordo di Mosca. Si tratterebbe di una contrazione "comparabile" a quella della crisi del 1998 e alla crisi finanziaria globale del 2007-2008. Ma come detto il risultato finale potrebbe essere ancora peggio.

E, attenzione, non basterà la Cina a riempire i buchi. Anzi.  Se la Banca Centrale russa punta a sfruttare il proprio sistema di gestione dei pagamenti - Fms - per sostituire lo standard globale Swift, Mosca rischia di avere davvero poche controparti internazionali, quasi tutti di livello non elevato. L'elenco delle 331 istituzioni finanziarie che risulta dal sito della Central Bank of Russia, come sottolineato da AdnKronos, mostra una composizione al 98% domestica, con una manciata di interlocutori internazionali di non primissimo livello, se si accettuano alcuni istituti cinesi.

Nel corso degli anni il volume degli scambi tra Cina e Russia è incrementato in modo costante e in base ai dati delle dogane cinesi del 15 gennaio 2022, il trade aggregato di import ed export tra i due paesi nel 2021 è cresciuto del 35,8 per cento con un incremento superiore al delta degli scambi della Cina con l’Unione Europea (+27,5 per cento) e con gli Stati Uniti (+28,7 per cento), e ha raggiunto un volume totale pari a 147 miliardi di dollari. L'ambasciatore cinese a Mosca, Zhang Hanhui, ha invitato le aziende cinesei a "riempire i vuoti dell'economia russa" e a cogliere le opportunità nell'ambito dell'attuale crisi.

(Continua nella pagina seguente...)

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainarussiaterza guerra mondialevladimir putin





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream

    Puglia, gelato da vegetali fermentati: a Polignano a Mare il nuovo ice-cream


    motori
    Opel Experimental: ridefinisce il futuro dell'illuminazione automobilistica

    Opel Experimental: ridefinisce il futuro dell'illuminazione automobilistica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.