A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Zelensky vuole vedere Putin. Usa: "Kiev? Segnali contrastanti"

Guerra in Ucraina, la Turchia lavora all'incontro Zelensky-Putin

Il governo turco lavora per organizzare un incontro tra Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky che possa mettere fine alla guerra. L'impegno è stato ribadito dal portavoce della presidenza turca, Ibrahim Kalin, in un'intervista ad al Jazeera. "Manteniamo aperti i canali di comunicazione con entrambe le parti - ha detto - E' molto importante e cerchiamo di organizzare un incontro diretto tra i presidenti di Russia e Ucraina".

Kalin ha ricordato che "le parti hanno avuto riunioni a livello tecnico in Bielorussia, la prima riunione a livello ministeriale è stata in occasione del Forum della diplomazia di Antalya. Oggi è il principale obiettivo è organizzare un incontro" tra Putin e Zelensky. Secondo il portavoce della presidenza turca, le possibilità di arrivare ad un accordo di pace ci sono: "Ora l'unica questione è quando e come si raggiungerà". Zelensky, ha concluso, "è disposto a riunirsi, ma Putin crede che le posizioni non siano ancora sufficientemente vicine". 

Guerra in Ucraina, Washington: "Da Kiev segnali contrastanti, elementi accordo con Mosca un mistero"

E' possibile un accordo di pace fra Russia e Ucraina? E su quali basi? "Il crescente numero di vittime in Ucraina ha costretto il presidente Volodymyr Zelensky a considerare concessioni alla Russia per mettere fine al devastante conflitto, ma gli elementi specifici di ogni accordo di pace che potrebbe essere discusso con Mosca rimangono un mistero", scrive il Washington Post. L'Occidente s'interroga su quali siano le intenzioni di Kiev, da cui vengono segnali contrastanti. Tanto più che un accordo avrà implicazioni sulla sicurezza europea e alcuni paesi del fianco est della nato temono una intesa che possa concedere troppo al leader russo Vladimir Putin. "Sono pronto al dialogo, non alla capitolazione", ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una intervista all'Abc. E martedì, quando ha ricevuto a Kiev i leader di Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia "ha dimostrato poco interesse in un accordo negoziato, dicendo che l'Ucraina deve combattere fino a quando Putin non cambierà le sue richieste", ha detto un diplomatico ben informato. Ma allo stesso tempo, il capo negoziatore ucraino, Mykhailo Podolyak, è apparso più ottimista su un possibile accordo. Secondo fonti americane ed europee, è possibile che Zelensky e i suoi consiglieri non siano ancora giunti ad una conclusione definitiva su cosa potrebbero concedere.

Da una parte vi è una pressione per ridurre le sofferenze della popolazione civile, mentre dall'altra Zelensky ha saputo unire il suo popolo nella resistenza all'invasione. In caso di accordo, il presidente ucraino dovrà far accettare l'intesa al suo popolo, un'impresa difficile se dovesse fare importanti concessioni a Mosca, che rischierebbero di passare per un tradimento. Una rinuncia ad entrare nella Nato, cui ha alluso Zelensky, dovrebbe comunque essere sancita a grande maggioranza dal parlamento, dato che questa aspirazione è compresa nella costituzione. Inoltre ogni possibile accordo dovrebbe essere approvato dall'Occidente per portare ad una revoca delle sanzioni.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha chiarito che non basterebbe il ritiro dei russi dall'Ucraina, perché gli Stati Uniti vogliono "un passo irreversibile", l'assicurazione che l'aggressione "non possa ripetersi". "Se alla fine di tutto questo, Putin ne esce con qualcosa che non sia una chiara sconfitta, questo destabilizzerebbe l'Europa e la sicurezza internazionale in maniera mai vista dalla Seconda guerra mondiale", commenta Jonatan Vseviov, segretario generale del ministero degli Esteri estone. Una soluzione potrebbe essere una rinuncia ucraina ad entrare nella Nato in cambio del ritorno delle repubbliche separatiste sotto il suo controllo. "Ma la domanda è se Putin sarebbe capace di un accordo che potrebbe apparire come una sconfitta", nota un diplomatico europeo. Intanto gli occidentali non vedono segnali che la Russia stia fermando il suo attacco. E si chiedono perché la Russia faccia sfoggio di ottimismo sull'andamento dei negoziati. Le fonti del Washington Post divergono fra due possibili spiegazioni: la prima che Mosca voglia seriamente un accordo perché vengano sollevate le sanzioni, la seconda che vogliano creare un'impressione di serietà per evitare ulteriori sanzioni. 

Leggi anche: 

" Guerra, "Esercito italiano pronto a difendere confini e democrazia"

Ucraina, rischio poliomielite, tubercolosi, HIV. Bomba parallela alla guerra

Green Pass e limitazioni, l’agonia continua per un altro mese

Guerra Ucraina, India e Brasile contro la Russia all'Aja per motivi diversi

L'Italia dei Giganti: George Labrinopoulos racconta i grandi degli anni 80-90

Usa, nuovo caso George Floyd: uomo morto nelle mani della polizia. VIDEO

Enel, lanciato l'innovativo sistema di stoccaggio "Second Life"

Edilizia, l’Italia è in ritardo sulla sicurezza antincendio?

"Sviluppo e Sostenibilità nel PNRR": Istituzioni e imprese a confronto a Roma

Commenti
    Tags:
    crisi ucrainaguerra ucrainaterza guerra mondialevladimir putinzelensky





    in evidenza
    Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

    Guarda il video

    Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

    
    in vetrina
    Affari in Rete

    Affari in Rete


    motori
    Opel Astra Sports Tourer Electric: La compagna ideale per ogni viaggio

    Opel Astra Sports Tourer Electric: La compagna ideale per ogni viaggio

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.