A- A+
Esteri
Il marchio Trump in caduta libera molti sponsor lo stanno lasciando

Dalla scorsa settimana, da quando cioè l'ancora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha chiesto ai suoi supporters di marciare su Capitol Hill, il suo brand e la sua fortuna sono in crisi. Molti sostenitori politici gli hanno girato le spalle, è stato bandito dalle piattaforme tecnologiche, in primis Twitter che lo avevano sostenuto, le sue banche hanno dichiarato che non sarà più accolto, come pure l'industria del golf americana che gestisce l'attività dei suoi club.

Ci sono voluti ben quattro anni di presidenza ma adesso sembra che la maggior parte di coloro che erano stati fedeli alleati aziendali adesso comincino a “mollare il colpo”.

In pochi giorni, Trump è stato evitato da Wall Street, Silicon Valley e Washington. Twitter e Facebook hanno sospeso i suoi account sulle loro piattaforme dopo che i messaggi che favorivano la violenza. La società canadese di e-commerce Shopify ha chiuso il negozio della campagna del repubblicano.

Anche alcune delle banche con cui Trump e la sua famiglia hanno lavorato per anni gli hanno voltato le spalle. Il caso più noto è quello di Deutsche Bank, che ha deciso di astenersi dal proseguire gli affari con il politico e uomo d'affari, che deve alla società oltre 340 milioni di dollari. La banca tedesca è il prestatore più importante di Trump, ma Christiana Riley, Ceo della banca negli Stati Uniti, ha condannato la violenza della scorsa settimana attraverso un post sul suo profilo LinkedIn. "Siamo orgogliosi della nostra Costituzione e sosteniamo coloro che cercano di garantire che la volontà del popolo sia rispettata con una transizione pacifica", ha scritto.

Deutsche Bank deve ancora rilasciare una dichiarazione ufficiale, ma potrebbe essere stanca della cattiva pubblicità che nasce dall’essere associata al marchio Trump.

Da parte sua, Signature Bank, un’impresa dove Ivanka Trump è entrata a far parte del consiglio di amministrazione, ha assicurato che sta facendo pressione perché si dimetta. L'azienda, secondo il New York Times, sta chiudendo due conti personali in cui Trump deteneva 5,3 milioni di dollari.

I democratici hanno lanciato un altro tentativo di impeachment, che renderebbe Trump l'unico rappresentante ad aver affrontato due impeachment.

Tutto ciò ha portato anche i suoi riferimenti sportivi preferiti a prendere le distanze. Il PGA, il principale circuito di golf maschile d'America, ha dichiarato che il suo consiglio ha votato per porre fine a un accordo secondo cui il campo da golf di proprietà di Trump nel New Jersey ospiterà il prossimo campionato.

"È diventato chiaro che tenere il campionato PGA a Trump Bedminster sarebbe dannoso per il nostro marchio", ha affermato Jim Richerson, presidente di PGA. I disaccordi tra Trump e il torneo però non sono nuovi, l'organizzazione aveva già deciso di non organizzare il suo Grand Slam di Golf 2015 al Trump National di Los Angeles quando il presidente aveva detto che tra gli immigrati messicani c’erano anche gli stupratori.

Il futuro delle attività di Trump non si presenta così brillante.

Secondo Carly Fiorina, l'ex CEO di HP che ha combattuto il presidente alle primarie nel 2016, “ha dichiarato che adesso “Il suo marchio è tossico". "Questo avrà conseguenze reali per i suoi affari, anche se continua ad avere il sostegno di alcuni membri del partito repubblicano".

Altri marchi come Coca-Cola, Marriott, Morgan Stanley e AT&T hanno anche assicurato che cesseranno le donazioni ai membri del partito repubblicano che non riconoscono la vittoria di Joe Biden o che si uniscono alle accuse di frode elettorale da parte dell'ancora presidente degli Stati Uniti. .

In ogni caso, la carriera di Trump è una storia di alti e bassi, e il suo marchio potrebbe anche tornare più forte che mai, soprattutto tra i ferventi sostenitori che hanno preso d'assalto il Campidoglio.

I suoi collaboratori dicono che ci sono ancora opportunità redditizie per lui, ad esempio, nei media, incluso un possibile ruolo nella creazione di un social o nella pubblicazione di libri.

Ma dopo il crollo del marchio anche il Procuratore di New York aspetta l’ex presidente per possibili frodi fiscali, e questo sarebbe un colpo quasi mortale.

Loading...
Commenti
    Tags:
    trumpdeutesche bankpgaspotifyfacebooktwitter
    Loading...
    in evidenza
    "Inutile il sacrifico di Enzo Tortora Magistrato che sbaglia non paga"

    Parla con Affari l'ex compagna Francesca Scopelliti

    "Inutile il sacrifico di Enzo Tortora
    Magistrato che sbaglia non paga"

    i più visti
    in vetrina
    Meteo febbraio da incubo con lo stratwarming. Entrerà nella storia...

    Meteo febbraio da incubo con lo stratwarming. Entrerà nella storia...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    EQS, la prima ammiraglia full electric del marchio Mercedes-EQ

    EQS, la prima ammiraglia full electric del marchio Mercedes-EQ


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.