A- A+
Esteri

Tredici morti e 228 feriti finora per il terremoto che ieri ha colpito una zona di confine tra India e Bangladesh. Otto morti si sono registrati nello Stato indiano di Manipur, cinque nel Bangladesh. Il terremoto ha avuto una magnitudo di 6,8 gradi Richter nel suo epicentro, nello Stato di Manipur. Gravissimi i danni materiali: sono crollati palazzi a uso abitativo, ospedali, edifici pubblici.

 Secondo i rilevamenti dell'istituto sismologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro tra i 35 e i 20 chilometri di profondità ed epicentro 33 chilometri a ovest-nordovest di Imphal, la capitale dello stato di Manipur, ed epicentro a circa 19 chilometri dalla stessa città.

La scossa è stata avvertita fino a Calcutta e anche in Bangladesh, Nepal e Birmania. Il sismologo indiano P.R. Vaid ha indicato che il sisma è stato causato dalla subduzione della placca indiana sotto la placca birmana, fenomeno responsabile di precedenti terremoti

Tags:
india
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.