A- A+
Esteri
Israele, Netanyahu contro il cessate il fuoco: "A Gaza una guerra di civiltà"
Benjamin Netanyahu, primo ministro di Israele

Israele, Netanyahu prepara un nuovo fronte di guerra col Libano: "Hezbollah ci attacca ogni giorno, non possiamo accettarlo"

Benjamin Netanyahu, nonostante i vari negoziati internazionali in corso, non ha nessuna intenzione di sospendere l'offensiva di Israele su Gaza, in risposta agli attacchi terroristici del 7 ottobre scorso. Il primo ministro israeliano parla di "guerra di civiltà contro Gaza" e sostiene che con questa offensiva Israele stia difendendo "anche l'Ue da Hamas e dall'Iran". "La maggior parte dei cittadini in Occidente - dice Netanyahu a La Repubblica - non aderisce a queste proteste perché ha capito che in gioco c’è la nostra civiltà, basata sulla libertà e sulla tolleranza. Abbiamo accettato un cessate il fuoco temporaneo, per liberare gli ostaggi. Hamas si rifiuta di accettarlo perché esige un cessate il fuoco permanente che lascerà quei terroristi padroni di Gaza, pronti a reiterare massacri come quello del 7 ottobre 2023".

Leggi anche: Gaza: The day after. Netanyahu smantella il gabinetto di guerra, ma...

"Nessun governo responsabile - prosegue Netanyahu a La Repubblica - lo accetterebbe. Oggi tutti riconoscono che sono Sinwar e i dirigenti di Hamas a ostacolare un accordo. La guerra può finire domani se si arrendono senza condizioni e se rilasciano gli ostaggi". Netanyahu risponde così alle accuse di affamare deliberatamente la popolazione di Gaza. "Si tratta di una calunnia. Dall’inizio della guerra abbiamo consentito l’ingresso nella Striscia di Gaza a 25.500 camion con mezzo milione di tonnellate di cibo e medicine. Grazie alla nostra politica, il prezzo delle derrate alimentari a Gaza è sceso dell’80%". Il primo ministro israeliano apre però un nuovo possibile fronte di guerra a Nord, contro il Libano. "Quello che accade nella parte settentrionale di Israele non può andare avanti. Nessuna nazione accetterebbe che il suo territorio sia bombardato. Hezbollah, invece, bombarda tutti i giorni. Questa crisi può risolversi soltanto in due modi: con la diplomazia o con la guerra. Non dico altro".






in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.