A- A+
Esteri
Kosovo, falliti i colloqui Vucic-Kurti: nessun accordo per le targhe serbe

Borrell: "Se l'adesione all'Ue è il loro obiettivo primario, ci aspettiamo che si comportino di conseguenza"

Nessun accordo tra il presidente serbo Aleksandar Vucic e il premier del Kosovo Albin Kurti. L'incontro riguardava "la responsabilità di entrambi i leader di ridurre urgentemente l'escalation. Purtroppo oggi non hanno concordato una soluzione", ha detto l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell. Borrell non ha esitato ad aggiungere che i due dovranno ritenersi "responsabili di qualsiasi escalation e violenza che potrebbero verificarsi sul campo". Vucic e Kurti erano stati convocati a Bruxelles poche ore prima della scadenza, proprio oggi, dell'ultimatum dato da Pristina sulle targhe utilizzate dai serbi kosovari, un incontro dell'ultimo minuto per trovare una soluzione.

La crisi si trascina da quando il Kosovo ha dichiarato la sua indipendenza dalla Serbia nel 2008, un passo mai riconosciuto dal governo serbo. Ma ora il Kosovo ha anche deciso che i circa 10mila cittadini serbi kosovari nel nord del suo territorio e i cui veicoli hanno targhe emesse dalla Serbia devono sostituirle con targhe kosovare, a rischio di pesanti multe. Parlando con la stampa serba, Vucic ha assicurato di esser stato "assolutamente costruttivo" mentre la leadership kosovara "non ha voluto accettare nulla in nessun momento, aggiungendo cose che erano chiaramente impossibili" da accettare. Dal canto suo, Kurti ha replicato che il Kosovo avrebbe voluto colloqui più ampi per arrivare alla piena normalizzazione delle relazioni. Borrell ha riferito di aver presentato a Vucic e a Kurti una proposta che il serbo ha accettato ma "purtroppo" non il kosovaro.

Ora -ha aggiunto- l'Ue si attende che "il Kosovo interrompa immediatamente le nuove immatricolazione dei veicoli nel Nord del Kosovo e che la Serbia sospenda la distribuzione di nuove targhe"; ha anche spiegato che questa era la proposta avanzata a entrambi i leader ma, poiché non è andata in porto "per tanti motivi diversi", ha chiesto a Belgrado e Pristina di "aderire comunque alle sue richieste"; in attesa appunto di trovare "una soluzione sostenibile" per entrambi. Perché "non si può passare di scadenza in scadenza, di crisi in crisi". Pristina aveva deciso di prorogare fino al 21 novembre, e dunque fino a oggi, l'ultimatum dato ai serbi kosovari per cambiare le loro targhe serbe con targhe kosovare. Ma partire dal 21 novembre e per due mesi, il possesso delle targhe serbe in Kosovo sarà punito con multe: mentre tra il 21 gennaio e il 21 aprile sarà consentito l'uso di targhe temporanee, per cui l'uso obbligatorio delle targhe kosovare per i serbikosovari slitta fino al 22 aprile. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
kosovoserbia





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.