A- A+
Esteri
Ocse attacca l'Italia per fare mangiare le ostriche ai suoi funzionari
OCSE

Laurence Boone, mandarinona Ocse, ci dice che i problemi dell’Europa sono l’Italia e la Brexit.

La Boone è una economista che intasca vagonate di soldi chiacchierando contro chi non si adegua ai diktat della Ue. Un mestiere prestigioso, quello della sora Cecioni di Parigi.

L’Ocse è uno di quei meravigliosi enti in cui la gente va in pensione a 50 anni e con importi stellari. Sede prestigiosa naturalmente ed altrettanto naturalmente a Parigi. Ambiente raffinato, atmosfere ovattate, buona educazione gallica, tanto succo d’arancia e tanta, tantissima pienezza di sé e del proprio ruolo privilegiato. Tanto privilegiato da poter bacchettare impunemente, ma in buona compagnia, addirittura gli stati fondatori dell’Unione Europea, come l’Italia.

L’Ocse ha detto che la iniqua legge Fornero non si deve toccare perché se no gli italiani se la passerebbero poi troppo bene e questo, per i mandarini di Parigi, non è possibile.

Gli italiani devono essere prosciugati finanziariamente fino all’ultimo euro, come i greci, per sottometterli. Cosa vogliono questi eredi di quel Cesare che ci umiliò il nostro capo, Vercingetorige, sembra dire la capetta economista?

E questo pare il ragionamento che passa per le altre menti fertili dei mandarinoni transalpini.

E, intanto -ci dice l’Ocse- poiché vi siete comportati male vi tagliamo la stima sul Pil, così vi aumenta lo spread (fa pure rima) e vi danneggiamo a livello economico.

Ecco che l’Ocse dunque ha mostrato il vero volto e forse anche le sue finalità. Colpire e punire gli Stati riottosi che si sono stufati di impoverire i propri cittadini per far mangiare le ostriche ai tipi come la Boone.

 

Commenti
    Tags:
    ocselaurence booneueitalialegge fornero
    in evidenza
    Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

    Costume

    Gregoraci lascia la casa di Briatore
    Racconto in lacrime sui social

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

    Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.