A- A+
Esteri
Israele, la Corte penale internazionale chiede l’arresto di Netanyahu

La Corte penale internazionale chiede l’arresto di Netanyahu per crimini di guerra a Gaza

La Corte penale internazionale (CPI) questo pomeriggio ha annunciato, per voce del procuratore capo Karim Khan, la richiesta che vengano emessi i mandati di arresto per crimini di guerra e crimini contro l'umanità per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Gallant e tre leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, Mohammed Diab Ibrahim al-Masri, meglio conosciuto come Mohammed Deif, e il suo leader politico Ismail Haniyeh.

Le accuse rivolte a Gallant e Netanyahu includono crimini di guerra e crimini contro l'umanità per la riduzione alla fame dei civili usata come metodo di guerra; l’aver causato volontariamente grandi sofferenze; omicidio volontario; attacchi intenzionali contro una popolazione civile e sterminio, insieme a numerose altre accuse.

Per quanto riguarda i leader di Hamas, sono accusati di sterminio, omicidio, presa di ostaggi, violenza sessuale e tortura, oltre a molte altre accuse. Riguardo alle accuse, Khan ha dichiarato che "Il mio ufficio sostiene che ci sono ragionevoli motivi per ritenere che [Sinwar, Deif e Haniyeh] siano penalmente responsabili dell'uccisione di centinaia di civili israeliani negli attacchi perpetrati da Hamas (in particolare la sua ala militare, l'al -Brigate Qassam) e altri gruppi armati il ​​7 ottobre 2023 e la presa di almeno 245 ostaggi."

Nella dichiarazione che accompagna le accuse, Khan ha scritto: "Il mio ufficio sostiene che le prove che abbiamo raccolto, comprese interviste con sopravvissuti e testimoni oculari, video autenticati, foto e materiale audio, immagini satellitari e dichiarazioni del presunto gruppo autore del reato, mostrano che Israele ha intenzionalmente e sistematicamente privato la popolazione civile in tutte le parti di Gaza di beni indispensabili alla sopravvivenza umana." E ha aggiunto: "Israele, come tutti gli Stati, ha il diritto di agire per difendere la propria popolazione. Tale diritto, tuttavia, non esonera Israele o qualsiasi Stato dall'obbligo di rispettare il diritto internazionale umanitario”.

In un articolo sulla piattaforma social X, il ministro delle finanze israeliano Bezalel Smotrich ha paragonato la Corte penale internazionale ai nazisti. "I nazisti parlavano anche in nome della "moralità", anche allora non c'era altro che il buon vecchio antisemitismo come abbiamo sperimentato in tutte le generazioni. Gli odiatori di Israele vanno e vengono, l'eternità di Israele resta". E poi ha aggiunto che i mandati di arresto per Netanyahu e Gallant “sono i mandati di arresto per tutti noi”.

LEGGI ANCHE: Guerra, Israele in cul de sac politico. Iran, orizzonti di crisi in vista

Anche il presidente israeliano Isaac Herzog ha condannato la decisione della Corte penale internazionale definendola "più che scandalosa". I mandati di arresto richiesti da Khan saranno presentati ai giudici che siedono presso la Corte penale internazionale e decideranno se concederli.

L'annuncio di oggi rappresenta la battuta d'arresto diplomatica più significativa degli ultimi 10 anni per Israele, e arriva mentre il paese cerca disperatamente di proteggere la propria reputazione internazionale nel mezzo della devastante guerra a Gaza.

Più di 35.500 palestinesi sono stati uccisi a Gaza da quando Israele ha iniziato le operazioni militari il 7 ottobre. La maggior parte di loro sono donne e bambini. La Corte penale internazionale ha condannato anche le minacce di ritorsione ricevute dopo la segnalazione del mandato d'arresto israeliano.

Israele ha minacciato ritorsioni contro l’autorità palestinese, mentre i membri repubblicani del Congresso americano hanno minacciato direttamente Khan di sanzioni se dovesse procedere con il caso. Lo stato di Israele deve affrontare anche accuse separate di genocidio presso la Corte internazionale di giustizia (ICJ) presentate dal Sudafrica per la condotta della sua guerra a Gaza.






in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


in vetrina
Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina


motori
DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

DACIA: un modello di business unico per redditività elevata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.