A- A+
Esteri
Legge marziale in Ucraina: cosa vuol dire?

Invasione russa: la dura reazione di Zelensky 

In seguito all’invasione russa, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha dichiarato la legge marziale, esortando i cittadini a non farsi prendere dal panico e a restare a casa. La legge marziale è in vigore dalle ore 5.00 del 24 febbraio 2022, per un periodo di 30 giorni. Lo stesso provvedimento, sempre per 30 giorni, era stato assunto nel 2018, in risposta al sequestro da parte della Russia di tre navi della marina militare ucraina nello stretto di Kerč’, tra il Mar d’Azov e il Mar Nero.

Che cos'è e cosa prevede la legge marziale? 

La legge marziale è un sistema di governo straordinario, con una serie di norme che vengono introdotte in un determinato Paese in caso di guerra o, meno frequentemente, per calamità naturale, attentati o altri eventi di particolare gravità. Nel periodo in questione, la legge marziale sostituisce le leggi ordinarie, che vengono sospese, e il controllo della normale amministrazione della giustizia, che passa ai tribunali militari. In Ucraina la legge marziale durerà 30 giorni e potrà essere prorogata per altri 30, in caso di necessità. Sono state introdotte restrizioni sui mezzi di trasporto, il divieto di sciopero e un supplemento di misure protettive alle infrastrutture critiche, ad esempio aeroporti, porti, stazioni ferroviarie e strade di importanza strategica. Le autorità ucraine potranno decidere inoltre se introdurre il coprifuoco o altre restrizioni. 

Crisi Ucraina-Russia: aggiornamenti oggi 24 febbraio 2022: è cominciato l’attacco

Nel decreto di Zelensky si legge che i diritti costituzionali e le libertà delle persone e dei cittadini possono essere temporaneamente limitati, così come possono essere introdotte restrizioni temporanee ai diritti e agli interessi legittimi delle persone giuridiche. Il Gabinetto dei Ministri dell'Ucraina deve immediatamente mettere in atto un piano per attuare e garantire le misure del regime legale della legge marziale in Ucraina, per fornire finanziamenti adeguati. Le amministrazioni regionali, le città-stato di Kiev e gli organi di autogoverno locale dovrebbero istituire consigli di difesa e fornire assistenza al comando militare nell'introduzione e nell'attuazione delle misure del regime della legge marziale. Il Ministero degli Affari Esteri deve informare il Segretario Generale delle Nazioni Unite e i funzionari esteri sulle restrizioni ai diritti umani e civili e alle libertà, che è una deviazione dagli impegni previsti dal Patto internazionale su Diritti Civili e Politici, e circa il limite di tali deviazioni e le ragioni di tale decisione. 

Zelensky: "Daremo armi a chiunque le vorrà"

''Il futuro di tutto il popolo dell'Ucraina dipende da ognuno dei suoi cittadini''. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky rivolgendosi alla nazione. ''Daremo armi a chiunque voglia difendere il Paese. Siate pronti a sostenere l'Ucraina nelle piazze delle nostre città'', ha aggiunto. ''Ogni volontario potrà avere le armi, tutti coloro che hanno esperienza nei combattimenti devono recarsi nei centri corrispondenti. Il ministero degli Interni richiama i veterani per difendere il Paese'', ha aggiunto. 
 

 

 

Leggi anche:

Guerra Ucraina/ Borsa, Intesa-Unicredit ko. Sono tra le più esposte in Russia

Militari italiani in Ucraina: soldati schierati e reparti coinvolti

Lavrov, braccio destro di Putin, e Di Maio: dalla stima alla sfida aperta

Commenti
    Tags:
    crisi ucraina





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

    Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.