A- A+
Esteri
Manichini choc nei negozi afghani. Incappucciati per ordine dei talebani

L'ultima mossa choc del regime dei talebani contro le donne

Sotto il regime dei talebani, i manichini nei negozi di abbigliamento femminile nella capitale afghana di Kabul sono inquietanti, le loro teste avvolte dentro stoffe e tessuti o  in sacchetti di plastica nera.

I manichini incappucciati sono un simbolo del dominio dei talebani sull'Afghanistan. Ma in un certo senso sono anche una dimostrazione di resistenza e  di creatività da parte dei mercanti di vestiti di Kabul.

Come racconta il giornalista di AP, Ebrahim Noroozii, inizialmente i talebani volevano che i manichini venissero decapitati.

Non molto tempo dopo aver preso il potere nell'agosto 2021, il Ministero del vizio e della virtù talebano ha decretato che tutti i manichini dovevano essere rimossi dalle vetrine dei negozi o che dovevano essere decapitati. Hanno basato l'ordine su una rigorosa interpretazione della legge islamica che proibisce statue e immagini della forma umana poiché potrebbero essere adorate come idoli, sebbene si combini anche con la campagna dei talebani per allontanare le donne dagli occhi del pubblico.

Alcuni venditori di vestiti hanno aderito. Ma altri no. Anzi, si sono lamentati del fatto che non sarebbero stati in grado di mostrare correttamente i loro vestiti o avrebbero dovuto danneggiare preziosi manichini. Così i talebani hanno dovuto modificare il loro ordine e hanno permesso ai proprietari dei negozi di coprire  le teste dei manichini, invece di decapitarli.

La varietà di soluzioni escogitate è esposta in Lycee Maryam Street, una strada commerciale borghese fiancheggiata da negozi di abbigliamento nella parte settentrionale di Kabul. Le vetrine dei negozi e gli showroom sono tappezzati di manichini in abiti da sera e vestiti pieni di colori e decorazioni, e tutti con vari tipi di copricapo.

"Non posso coprire le teste dei manichini con plastica o cose brutte perché farebbero sembrare brutti la mia vetrina e il mio negozio", ha detto il proprietario di uno di questi negozi. Come altri proprietari, ha parlato con l'Associated Press a condizione di restare anonimo per paura di rappresaglie.

L'economia in Afghanistan è crollata, dopo il ritorno dei talebani e la conseguente interruzione dei finanziamenti internazionali, gettando quasi l'intera popolazione nella povertà. Gli abiti elaborati sono sempre stati popolari in Afghanistan per i matrimoni, una delle poche occasioni rimaste per gli incontri sociali. 

Il commerciante ha detto: "L'acquisto di abiti da sposa, da sera e tradizionali non è più una priorità per le persone, che pensano di più a procurarsi il cibo e a sopravvivere".

Un altro proprietario di un negozio di abbigliamento, Hakim, ha modellato un foglio di alluminio sopra le teste dei suoi manichini: "Ho tratto un'opportunità da questa minaccia e ho fatto in modo che i manichini siano ancora più attraenti di prima", ha detto. In un altro negozio i manichini in abiti senza maniche avevano tutti dei sacchi di plastica nera sopra la testa. Il proprietario ha detto che non poteva permettersi di più.

Un altro proprietario di negozio ha detto che gli agenti del Ministero del vizio e della virtù pattugliano regolarmente negozi e centri commerciali per assicurarsi che i manichini vengano decapitati o coperti, e ha commentato: "Tutti sanno che i manichini non sono idoli e nessuno li adorerà. In tutti i Paesi musulmani si usano i manichini per mostrare i vestiti".

Nelle vetrine si può vedere un piccolo numero di manichini maschili, anche con il capo coperto, a suggerire che le autorità stanno applicando il divieto in modo uniforme.

Una donna che faceva acquisti in Lycee Maryam Street ha guardato i manichini incappucciati e ha detto: "Quando li vedo, sento che anche questi manichini sono catturati e intrappolati, e provo un senso di paura. Mi sembra di vedermi dietro queste vetrine, una donna afghana privata di tutti i suoi diritti".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
afghanistanmanichini mascheratinegozitalebani





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.