A- A+
Esteri
Migranti Afghanistan, asse Austria-Ungheria: "Non accoglieremo più nessuno"

Migranti Afghanistan, asse Austria-Ungheria: "Non accoglieremo"

La conquista dell'Afghanistan da parte dei talebani ha creato subbuglio in tutto il mondo. Non solo negli Usa che si sono ritirati dalla missione generando tutto l'effetto domino con l'abbandono degli altri Paesi della Nato, ma ora la preoccupazione riguarda anche tutta l'Europa. Il tavolo del G7 convocato d'urgenza dalla Gran Bretagna per discutere sul da farsi con i talebani - si legge sul Giornale - riguarderà anche un altro tema caldo: la questione migranti. E' prevedibile una fuga di massa dal territorio afghano, ma c'è già chi chiude i propri confini. Si tratta di Austria e Ungheria.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz - prosegue il Giornale - ieri ha ribadito con forza che il Paese non ospiterà altri afghani oltre ai 44mila già accolti, comunità più numerosa in rapporto agli abitanti dopo Iran, Pakistan e Svezia: «Non dobbiamo ripetere gli errori del 2015. La gente che esce dal Paese deve essere aiutata dagli Stati vicini. L’Ue deve proteggere le frontiere esterne. Abbiamo ancora grossi problemi con l’integrazione e siamo quindi contrari all’aggiunta» di altri profughi.

Si è fatto sentire anche il presidente dell’Ungheria Viktor Orban: «Ci proteggeremo dalla crisi dei migranti». Porte chiuse dalla Slovenia, che ha anche la presidenza di turno dell’Ue: «Non spetta a noi pagare per tutti quelli che fuggono nel mondo». Gli ha risposto ieri il commissario agli Affari economici Paolo Gentiloni: «Non ha poteri decisionali di alcun tipo. E per accogliere i profughi in fuga non serve l'unanimità dell'Ue, si può decidere a maggioranza».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
afghanistanaustriaguerra afghanistanmigrantiprofughi afghanistantalebaniungheriaunione europe migranti afghanistan





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.