A- A+
Esteri
Mossad, svelato l'ultimo cablo della più grande spia israeliana

Mossad, svelato l'ultimo cablogramma della più grande spia israeliana Eli Cohen

È un mistero a tutto tondo quello che avvolge Eli Cohen, una delle più famose spie israeliane, catturato dai siriani e giustiziato quasi sessant’anni fa a Damasco.

Incertezze e polemiche che partono proprio dai motivi della cattura, con gli storici che ancora si chiedono se sia stato incauto inviando troppi messaggi che alla fine sono stati intercettati, o se siano stati i suoi superiori a fare troppe pressioni tanto da farlo scoprire. Emergono però nuovi dettagli, in occasione dell’inaugurazione di un museo a lui intitolato a Herzliya: il capo del Mossad David Barnea ha rivelato al grande pubblico il contenuto dell'ultimo messaggio telegrafico di Cohen, sostenendo che non c'è nessuno da "incolpare" per la sua fine. "Semplicemente le sue trasmissioni sono state intercettate e triangolate dal nemico" ha affermato, sottolineando che succede anche ai migliori e "lui lo era". Nel messaggio, la spia riferiva di un incontro tra l'allora presidente siriano Amin al-Hafez e gli alti comandi militari nel pomeriggio del 19 gennaio 1965, giusto poco prima di essere preso.

Mossad, ancora mistero attorno alla più grande spia israeliana Eli Cohen

Nato ad Alessandria d'Egitto nel 1924 da una famiglia ebraica siriana di Aleppo, Cohen nel 1957 lasciò l'Egitto per lo Stato ebraico dove si arruolò nell'intelligence israeliana e venne scelto per quella che divenne una delle più famose operazioni sotto copertura del Mossad. Dopo un periodo in Argentina, dove si costruì il personaggio di un intraprendente imprenditore siriano erede della ricchezza di uno zio, si trasferì a Damasco dove entrò in contatto con il bel mondo siriano e divenne un noto esponente dell'alta società. Per cinque anni, 'armato' di una radio-trasmittente e una chiave per linguaggio morse, passò informazioni sostanziali agli 007, tanto da permettere allo Stato ebraico - anche dopo la sua morte nel 1965 - di prevalere sui vicini Stati arabi nella guerra dei Sei Giorni.

Venne catturato a Damasco il 19 gennaio e impiccato sulla pubblica piazza quattro mesi dopo. La sua storia è stata portata di recente sul piccolo schermo dall'attore Sasha Baron Cohen con una serie per Netflix che ha riscosso grande successo. Il mistero ammanta anche la sua sepoltura: non si conosce l'ubicazione delle sue spoglie, della cui ricerca si sarebbero occupati nel 2021 i russi nell'ambito di complessi negoziati tra i due vicini mediati da Mosca. Ma alla notizia, in parte confermata dall'allora premier Benjamin Netanyahu, non è seguita alcuna svolta.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cabloisraelemossadspia





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.