A- A+
Esteri
Putin sfida Biden e vola in Iran. Trilaterale con Raisi ed Erdogan

Putin incontra Raisi ed Erdogan a Teheran: risposta simbolica a Biden

Inizia oggi la visita del presidente russo Vladimir Putin in Iran, che mira ad approfondire i legami con le potenze regionali, in contrapposizione a Stati Uniti ed Europa. Nel suo secondo viaggio all'estero da quando, a febbraio, i carri armati russi sono entrati in Ucraina, Putin ha in programma colloqui con il presidente iraniano Ebrahim Raisi e con quello turco Recep Tayyip Erdogan su alcune delle questioni più urgenti della regione, tra cui il conflitto in Siria e la proposta, sostenuta dalle Nazioni Unite, di riprendere le esportazioni del grano ucraino per alleviare la crisi alimentare globale.

Il significato del viaggio viene raccontato così da Repubblica: "Appena tre giorni dopo la fine della visita del presidente statunitense Joe Biden in Israele e Arabia Saudita, il leader del Cremlino Vladimir Putin oggi vola a Teheran dove terrà il suo quinto incontro con la Guida Suprema, l’ayatollah Ali Khamenei, e un vertice a tre con l’omologo iraniano Ebrahim Raisi e il turco Recep Tayyip Erdogan. Il primo viaggio del presidente russo fuori dai confini dell’ex Unione Sovietica da quando ha lanciato l’offensiva in Ucraina non potrebbe essere più simbolico. Scegliendo come meta la Repubblica Islamica, nemica degli Usa, e riesumando il cosiddetto formato di Astana, con cui turchi, russi e iraniani si spartirono la Siria in Kazakhstan, Putin sta inviando un chiaro messaggio all’Occidente e, in particolare, a Washington. Vuole dimostrare che, nonostante le sanzioni varate in risposta alla cosiddetta operazione militare speciale, la Russia non è isolata e, anzi, ha rafforzato le sue alleanze con l’Est: con la Cina, l’India e, appunto, l’Iran".

Russia: mai bloccato esportazioni di grano da porti dell'Ucraina

"La Russia non ha mai bloccato le esportazioni di grano dai porti ucraini del Mar Nero". Lo afferma oggi il ministero degli Esteri russo, poco prima dell'atteso colloquio tra il presidente Vladimir Putin e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan a Teheran, sul grano ucraino. "Al contrario, stiamo facendo del nostro meglio per fornire due corridoi marittimi umanitari nel Mar Nero e nel Mar d'Azov", ha precisato il ministero di Mosca. "I problemi sono l'alto rischio di mine e le minacce di Kiev di sparare alle navi. Ciò rende impossibile la navigazione sicura nelle sue acque territoriali".

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bidenerdoganiranputinraisi





    in evidenza
    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    Nostalgia Masolin

    La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

    
    in vetrina
    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

    Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti


    motori
    Lancia Nuova Ypsilon ritorno iconico in Belgio e Olanda

    Lancia Nuova Ypsilon ritorno iconico in Belgio e Olanda

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.