A- A+
Esteri
Siria, ecco le ragioni politiche che hanno spinto Trump ad agire

Siria: le ragioni politiche che hanno spinto Trump ad agire

Il presidente americano, Donald Trump, sceglie il pugno di ferro contro il regime di Bashar al Assad. L'attacco arriva dopo un lungo vertice tra alti funzionari della Casa Bianca, il ministro della Difesa Jim Mattis, il segretario di Stato Rex Tillerson e il consigliere per la Sicurezza Nazionale H.R. McMaster. Una mossa a pochi giorni dal viaggio di Tillerson in Russia; e secondo alcuni analisti, la decisione di velocizzare l'intervento servira' agli Stati Uniti anche per dare un maggior peso politico all'incontro con il ministro degli esteri, Serghey Lavrov. La Russia e' il maggior alleato del presidente siriano e oltre ad aiutare militarmente l'esercito governativo, ha bloccato la quasi totalita' delle iniziative diplomatiche al Consiglio di Sicurezza dell'Onu. "E' di vitale importanza per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti prevenire e scoraggiare la diffusione e l'utilizzo di armi chimiche mortali" ha detto il presidente, dimostrando di non aver paura di una prova di forza. Si tratta della prima azione contro il regime di Assad, dall'inizio, sei anni fa, della guerra civile. Con questa scarica di missili Tomahawk, il presidente americano accontenta in patria il partito dei falchi, che da sempre preme perche' la Casa Bianca intervenga contro Damasco.

Clamoroso ribaltone di Trump nella politica estera Usa

"Diversamente dalla precedente amministrazione, il presidente ha affrontato un momento cruciale in Siria ed ha agito. Per questa ragione merita il sostegno del popolo americano" hanno detto in comunicato ufficiale congiunto i senatori repubblicani John McCain e Lindsey Graham, tra i primi a fare pressioni su Trump. I repubblicani infatti non hanno mai perdonato a Barack Obama di non esser intervenuto nel 2013, nonostante fosse stato provato l'uso di armi chimiche dal governo di Assad che sanciva il superamento "della linea rossa". Il presidente americano fu accusato di aver indebolito la leadership degli Stati Uniti. Trump si e' trovato ora nella stessa posizione del suo predecessore quattro anni fa. Se non fosse intervenuto "avrebbe dato l'impressione che stesse semplicemente seguendo la politica di Obama in Siria" ha spiegato Elliott Abrams a Politico, esperto di affari esteri sotto l'amministrazione di George W. Bush. "Obama, anno dopo anno, non ha fatto niente per salvare le vite dei siriani". L'inversione di marcia di Trump rispetto alle sue promesse in campagna elettorale di un'America che si sarebbe ritirata dal palcoscenico mondiale per curarsi prima di se stessa ("America first"), ha sorpreso molti esperti. Solo qualche giorno fa, il segretario di Stato Tillerson e l'ambasciatrice americana all'Onu, Nikki Haley, avevano sostenuto che per la Casa Bianca non era piu' una priorita' far cadere Assad.

 

Tags:
siriadonald trumpragioni politiched
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.