A- A+
Esteri
Taiwan si prepara a combattere. Ma per la Cina ci sono anche altre armi...
Esercitazioni militari a Taiwan

Riserviste donne e giochi di guerra: Taiwan rafforza le sue difese

Al centro della contesta tra le due grandi potenze mondiali, Taiwan prova a rafforzare le sue difese. Dopo che a fine dicembre la presidente Tsai Ing-wen ha fatto approvare l'estensione della leva obbligatoria, portandola da 4 mesi a un anno a partire dal 2024, ora si prova a puntellare le capacità delle forze armate ma anche la prontezza a combattere della popolazione comune.

Nei giorni scorsi, è stato avviato un piano di addestramento per riserviste donne. Alle donne coinvolte è statochiesto di recarsi in una "località strategica" nel distretto Bade di Taoyuan per completare lo stesso addestramento richiesto ai riservisti maschi. Sebbene non sia stato reso noto il numero esatto di tirocinanti donne di questo primo gruppo, il Ministero della Difesa Nazionale ha dichiarato che quest'anno ha chiesto a un totale di 220 riservisti donne di sottoporsi all'addestramento obbligatorio dei riservisti.

Al 2021, un totale di 8.915 donne erano elencate come riservisti. Oltre ai riservisti, il 15% dei 180.000 militari attivi di Taiwan sono donne, secondo i dati militari. Il governo ha annunciato nel gennaio 2023 che avrebbe iniziato ad addestrare le forze armate di riserva femminili, dopo che in passato aveva addestrato solo riservisti maschi perché non aveva una capacità sufficiente per ospitare sia uomini che donne.

Secondo il ministero della Difesa, il numero di riservisti che riceveranno 14 giorni di addestramento aumenterà da 15.000 nel 2022 a 22.000 nel 2023, ma 96.000 allievi continueranno a partecipare alle manovre di cinque-sette giorni. Indipendentemente dal programma, l'addestramento è stato modificato in "località strategiche", in modo che i riservisti possano avere una migliore conoscenza del terreno e delle infrastrutture chiave dell'area che sono incaricati di difendere.

Sempre per preparare la popolazione a un eventuale scontro, il governo di Taiwan organizza regolarmente esercitazioni di emergenza e militari, dalle prove di allarme aereo e di terremoto alle massicce esercitazioni di fuoco vivo. Ma per la prima volta quest'anno, le esercitazioni di risposta civile hanno incluso una simulazione di attacco militare, a causa del peggioramento delle tensioni tra le due sponde dello Stretto e della guerra in Ucraina.

Le esercitazioni, che si tengono nelle principali città di Taiwan nei mesi di maggio e giugno, sono un segno che le autorità taiwanesi si rendono conto di dover migliorare la preparazione della difesa civile, dato che la minaccia della Cina sta crescendo. Le città di Taiwan ospitano l'80% della popolazione dell'isola e il governo ha iniziato a rafforzare la difesa delle aree urbane. A Taipei ci sono nuovi cartelli per i rifugi antiaerei e un numero crescente di app con istruzioni, mappe e nuovi metodi per raggiungere i servizi di emergenza.

Ma gli esperti affermano che ci sono ancora lacune nella preparazione, in particolare per quanto riguarda i punti vulnerabili delle infrastrutture critiche, come l'elettricità, internet e l'approvvigionamento idrico, e nel modo in cui il governo comunica alla popolazione.

Nei giorni scorsi è invece partito l'annuale Han Kuang, il nome ufficiale delle maxi esercitazioni militari dell'esercito taiwanese. Si svolge come ogni anno in due fasi. La prima, in corso questa settimana, si concentra su giochi di guerra computerizzati, mentre la componente delle esercitazioni a fuoco vivo è prevista dal 24 al 28 luglio.

I wargame computerizzati sono condotti utilizzando la piattaforma statunitense Joint Theater Level Simulation (JTLS) per simulare operazioni civili e militari congiunte, combinate e di coalizione a livello operativo, ha dichiarato Lin. Le simulazioni si svolgeranno 24 ore su 24 per cinque giorni di seguito per testare la capacità del personale militare di coordinare e lanciare una risposta a un'invasione di Pechino, in particolare.

Ma, in realtà, la maggior parte della popolazione non percepisce ancora come un pericolo imminente un ipotetico confronto con Pechino. Anche perché la sensazione è che in questo momento Xi Jinping voglia proiettare sulla scena globale un'immagine da grande stabilizzatore e di potenza responsabile. Senza contare i vantaggi che potrebbero arrivare dal fronte economico. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
elezioni taiwan 2024han kuangtaiwanxi jinping





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.