A- A+
Esteri
Il jet russo e il gioco sporco della Turchia. Due ipotesi sul tavolo

di Paolo Sensini

La Turchia ha stabilito unilateralmente dal giugno 2012 una "zona tampone" di 8 chilometri all'interno del territorio siriano. Da quel momento l'aviazione militare turca considera come target nemico ogni aereo che voli a meno di 8 chilometri dalla sua frontiera. In ogni caso, visto che hanno ucciso i due piloti russi mentre si paracadutavano dall'aereo in fiamme, le spiegazioni possono essere solo di due tipi: o i tagliagole operavano nell'immediato ridosso del confine turco, il che giustifica pienamente l'intervento dei jet russi, oppure i terroristi si trovavano a operare direttamente in territorio turco, il che tra l'altro è un segreto di pulcinella essendo documentata la loro presenza almeno dall'ottobre 2011.

In entrambe le circostanze, comunque la si rigiri, è fin troppo evidente il gioco sporco del governo turco e la politica terroristica nei confronti della Siria condotta da Erdogan. Resta solo da sciogliere un dubbio, e cioè se una simile provocazione contro la Russia sia stata o meno concordata con Washington. Ma questo, al momento, è materia solo per "complottisti".

Tags:
turchiajet russo
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.