A- A+
Esteri
Ucraina: per fermare Putin, conta più il brand activism della politica
Tim Cook

La diplomazia balbetta, l'economia può essere decisiva

La drammatica evoluzione della guerra in Ucraina sta esacerbando una tendenza che era in atto già da tempo: l’evaporazione del primato della politica, soppiantata dal potere economico. Lo scenario è tipico del modello capitalistico che, dopo il crollo del Muro di Berlino, si è diffuso anche nei paesi ex-sovietici. Per quanto Vladimir Putin soffra di nostalgia verso quei tempi e stia in tutti i modi rilanciando l’ostilità russa all’Occidente, anche il suo Paese è un nodo della rete economica globale, uno dei più rilevanti. Da qui viene la necessità di ricorrere alle sanzioni per mettere un freno alla sua scellerata iniziativa bellica: è l’unico strumento alternativo alla risposta sul suo stesso campo, che inevitabilmente porterebbe alla Terza Guerra Mondiale.

Isolare la Russia sul piano economico significa evidenziarne la sua interdipendenza del resto del mondo, perché nemmeno la relazione privilegiata con la Cina le basterà per assorbire il danno. L’obiettivo è incrinare lo strapotere di Putin, fondato proprio sulla crescita economica che ha consentito alla Russia di affrancarsi dalla crisi post-comunista per creare un notevole arricchimento, seppure con le sperequazioni che sono tipiche – appunto – del capitalismo. La speranza è che siano proprio gli oligarchi, nonché le aziende russe che vivono di relazioni internazionali, a rovesciare Putin o quantomeno a fermarne l’impeto colonialista. I mugugni di Lukoil e i contratti di sponsorizzazione stracciati in faccia a Gazprom potrebbero essere le micce in grado di accendere questo processo, non scontato.

Tim Cook e il ruolo di Apple

D’altra parte, è clamorosamente fallito il processo diplomatico, con la sfilata di leader accolti da Putin nella sua sfarzosa sala riunioni e bellamente presi in giro, dopo averli posti dall’altro capo del suo ormai famoso tavolone. Pur sperando che possa avere miglior esito la mediazione del Premier israeliano Naftali Bennet (o in subordine quella di Angela Merkel o di Papa Francesco, evocati in queste ore drammatiche), certamente stanno risultando più efficaci le prese di posizione di brand influenti, che hanno deciso di boicottare l’economia russa e/o di sostenere l’Ucraina. Particolarmente significativo è un passaggio della lettera con la quale Tim Cook, Ceo di Apple, spiega la decisione di sospendere le proprie vendite in Russia: “In questi tempi difficili, mi conforta sapere che siamo uniti nel nostro impegno reciproco, verso i nostri utenti e nell’essere una forza per il bene nel mondo”. Può sorprendere che un’azienda privata, logicamente votata al profitto, si definisca in questo modo, ma il brand activism è un fenomeno in atto ormai da tempo e prevede che i marchi commerciali prendano posizione sui temi più delicati e divisivi della vita sociale, ivi compresi quelli etici e politici. Ciò accade perché la qualità dei prodotti non è più in grado di fare la differenza: bisogna creare un legame più profondo con il proprio target, anche correndo il rischio di scontentare chi non concorda con le posizioni assunte.

Per questo motivo, i manager più lungimiranti da tempo stanno portando a bordo consulenti specializzati anche nella lettura degli scenari politici, così da interpretare al meglio quella “politicizzazione del marketing” che rappresenta ormai un obbligo professionale ineludibile. Lo è soprattutto in un’era nella quale la sfiducia nei confronti della politica è tale da portare l’astensionismo a livelli record, che in precedenza eravamo abituati a vedere solo dall’altra parte dell’Oceano. In un panorama in cerca di punti di riferimento, le aziende che davvero hanno una vision hanno anche la concreta possibilità di colmare tale vuoto.

 

 

 

Leggi anche: 

Governo, Draghi pronto a dimettersi. Elezioni a giugno o settembre

Governo, solo l'invasione militare di Putin evita la crisi

Guerra Ucraina, Picierno (Pd): "All'Ue servono una voce e un esercito unico"

"Rai, inopportuni attacchi a Innaro. Ha ancora senso collegarsi con Mosca?"

Ucraina, parte la raccolta di beni. I punti con camion e volontari a Milano

Guerra Russia-Ucraina, anche Generali abbandona Mosca. Stop di Toyota e VW

Fabrizio Corona è pronto a combattere in Ucraina e "morire in gloria"

Terza Guerra Mondiale: Giulietto Chiesa aveva previsto tutto due anni fa

Cryptosmart, ecco due servizi per utilizzare i bitcoin nella vita reale

BPER Banca, a sostegno degli studenti della Cattolica

Gruppo FS Italiane: Trenitalia presenta “Blues”, il suo primo treno ibrido

Commenti
    Tags:
    applebrand activismguerra russia ucrainaterza guerra mondialetim cook





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

    Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.