A- A+
Esteri
Usa, Obama ha firmato la legge che limita poteri Nsa

Nsa, si chiude l'era Snowden. A poche ore dal via libera del Congresso, Barack Obama ha firmato e promulgato la legge che limita le intercettazioni della National Security Agency (Nsa), rimpiazzandola con un programma di sorveglianza più mirato, dopo che le rivelazioni della "talpa" Edward Snowden sul programma di sorveglianza avevano scatenato polemiche negli Usa e a a livello internazionale. Il testo, denominato "Usa Freedom Act", aveva superato il vaglio della Camera dei rappresentanti il mese scorso con una schiacciante maggioranza e ora è stato stato approvato dal Senato con con 67 voti a favore e 32 contrari.
  
Nelle ultime 48 ore si era aperto un vuoto legislativo, denunciato da Obama, dopo che il Senato non era stata infatti in grado di accordarsi su una norma sostitutiva prima della decadenza del "Patriot Act" (il 31 maggio) che, varato all'indomani degli attentati alla Torri Gemelle, consentiva alla Nsa di procedere a sistematiche registrazioni di dati telefonici. Ora i dati telefonici saranno raccolti e rimarranno in possesso delle società telefoniche e verranno rilasciati su specifica richiesta e dopo una valutazione caso per caso.

Se vince sul fronte della privacy, Obama perde invece su quello della sanità. La Obamacare, infatti, la riforma della sanità voluta strenuamente dal presidente inizia a lasciare pezzi per strada. E' stata la battaglia cui il numero uno della Casa Bianca ha tenuto di più, per cui non ha risparmiato energie fino allo scontro diretto con i Repubblicani, giungendo allo shutdown (la chiusura, temporanea, delle attività di governo). 

Come ha rivelato la stessa aministrazione Obama, riferisce il New York Times, rispetto al picco raggiunto lo scorso anno di 11,7 milioni di persone iscritte alla nuova forma di assistenza sanitaria, a marzo di quest'anno 1,5 milioni, pari al 13%, hanno perso l'assistenza perchè non sono stati più in grado di pagare i premi che loro stessi avevano scelto tra quelli - calmierati - offerti dalla Obamacare. Il grosso di quelli che ancora resistono, continuando a pagare i premi seppur ridotti, lo fanno perchè ricevono (l'85% pari a 6,4 milioni di persone) qualche forma di sussidio. Sussidi però a rischio in attesa che la Corte Suprema si esprima sulla loro costituzionalità.

Tags:
obamansasnowden
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.