A- A+
Food
Il miele italiano sta scomparendo per colpa dei cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici stanno mandando in crisi il settore del miele italiano: "Non si produce dove prima si produceva tanto e si produce dove non si è mai prodotto"

I cambiamenti climatici stanno ulteriormente falcidiando le api, già provate dall'utilizzo di pesticidi. Non c'è più miele nelle Marche ma anche in Piemonte, da dove arriva la variante di acacia. "Non si produce dove prima si produceva tanto e si produce dove non si è mai prodotto, c’è una sovrapposizione delle fioriture",  spiega a Gamberosso l'apicoltore Giorgio Poeta. "Il paradosso  - rincara la dose Francesca Paternoster di Mieli Thun - è che i fiori c’erano ed erano belli ma non avevano nettare a causa del freddo e dell’eccesso di umidità". 

Leggi anche: "Bosco delle api” di Greenpeace Italia per la lotta al degrado urbano

"La situazione è tragica, le piante hanno le radici nel secco – commenta Carlo Amodeo, apicoltore palermitano, zona in cui si produce il miele di agrumi – inverno e primavera senza piogge, temperature già alte, con queste condizioni i fiori non hanno nettare e le api non possono bottinare".

Leggi anche: Apicoltori italiani protestano contro la concorrenza sleale del miele cinese

Stando ai dati dell'Osservatorio Nazionale Miele l'Italia è sostanzialmente divisa in due. Al centro nord freddo e nubifragi hanno impedito alle api di svolgere la loro funzione impollinatrice mentre al sud non c'è produzione per la mancanza d'acqua. "Stiamo somministrando acqua e zucchero per farle sopravvivere", raccontano gli apicoltori. A tutto questo si aggiunge la concorrenza sleale di altri mercati come la Cina, che spesso non esporta un prodotto puro ma diluito.





in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.