A- A+
Food
Lidl, allarme per il pollo: trovati batteri resistenti agli antibiotici

Lidl, quasi la metà del pollo confezionato stando alle analisi di Essere Animali è contaminato da batteri resistenti agli antibiotici

Un nuovo report dell'associazione Essere Animali afferma che quasi la metà dei campioni di carne di Lidl analizzati in Italia contiene un enzima prodotto dai batteri e i grado di conferirgli la resistenza a uno o più antibiotici. Non solo, il 46% delle 24 confezioni sotto esame è risultato contaminato da salmonella. La resistenza dei batteri agli antibiotici è un problema molto serio e che ha già un impatto significativo. Nel 2019 sono morte più di 1,2 milioni di persone nel mondo per questo fenomeno e si stima che potrebbero diventare 10 milioni nel 2050.

Essere Animali nel suo report sottolinea che "Lidl è la più grande catena di supermercati in Europa e di conseguenza uno dei più grandi distributori di carne del nostro continente". "Gli impegni presi da Lidl influenzano direttamente gli standard di allevamento di decine di milioni di polli. – continua l'associazione - Per questo, l’azienda ha una responsabilità particolare nella gestione e nello sviluppo delle filiere da cui provengono i prodotti che vendono a loro marchio. Tuttavia, finora Lidl non ha voluto assumersi nessun impegno ad attuare miglioramenti tangibili e significativi, facendo riferimento al fatto che la richiesta dello European Chicken Commitment (ECC) non sarebbe applicabile nel nostro Paese".

Leggi anche: Polli Esselunga: Strisce bianche e ustioni nelle vaschette

"Lidl sostiene di collaborare attivamente con i fornitori e dialogare con le Ong per promuovere pratiche sostenibili e garantire che la carne fresca di pollo provenga da allevamenti con standard migliori. – si legge nella nota di risposta dell'azienda - Lidl dichiara inoltre di seguire da vicino il dibattito sull'European Chicken Commitment supportando l'obiettivo di migliorare il benessere degli animali negli allevamenti".

La ricerca, per quanto riguarda l'Italia, ha previsto l'analisi di 24 confezioni di pollo acquistate da 4 punti vendita a Roma, Firenze e Milano. Alcuni campioni sono risultati positivi alla presenza di  batteri produttori di ESBL (46%) ma sono stati identificati anche Klebsiella pneumoniae, Escherichia coli (75%) e Klebsiella pneumoniae. Il 54% del campione è risultato positivo alla listeria.

Leggi anche: Conte: "Stop agli allevamenti superintensivi, è un problema di salute e di tutela degli animali"

Questi microrganismi vengono neutralizzati tramite cottura ma possono permanere sulle superfici della cucina e gli utensili trasformandoli in ulteriori vettori di contagio. "Le possibili infezioni di questi batteri diventano ancora più preoccupanti quando questi portano con sé geni in grado di conferire loro resistenza agli antibiotici - rimarca Essere Animali - Aderendo allo European Chicken Commitment, Lidl si impegnerebbe a ridurre le densità di allevamento, abbandonare le razze a rapido accrescimento e garantire agli animali un ambiente migliore in cui esprimere i propri comportamenti naturali".





in evidenza
Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

Autografi e selfie

Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.